Facebook: il Fisco Usa cita il social in giudizio in una causa da 9 miliardi di dollari

Facebook e l’Internal Revenue Service, il Fisco statunitense, si scontreranno in un’udienza della Us Tax Court in una causa che potrebbe costare al colosso dei social media oltre 9 miliardi di dollari e plasmare la capacità del governo di prendere provvedimenti contro i tentativi delle aziende di spostare i profitti verso Paesi con regimi di tassazione inferiori.

Il processo, che dovrebbe iniziare la prossima settimana, riguarda una controversia lunga 9 anni sulla gestione delle operazioni internazionali da parte di Facebook. L’Irs ritiene che i proventi dell’azienda dovrebbero essere sottoposti a tasse più elevate negli Stati Uniti, piuttosto che nella controllata irlandese.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/SHAWN THEW)

La pratica di Facebook di indirizzare i profitti all’estero in nazioni con un sistema di tassazione inferiore è comune tra le multinazionali statunitensi, che sono state criticate perché non pagano sufficienti imposte. Il caso che coinvolge Facebook potrebbe fissare un quadro di riferimento per le altre aziende coinvolte nello stesso tipo di controversia.

Nella nota pre-processuale, il governo ha citato il commento della coo Sheryl Sandberg, secondo cui l’Irlanda rappresenterebbe il quartier generale internazionale “per questioni fiscali”.

“Entrambe le parti hanno avanzato argomentazioni di rilievo, rendendolo un caso interessante”, ha commentato William Byrnes, professore di Diritto alla Texas A&M University, che si attende che il tribunale imponga delle tasse ulteriori a Facebook, ma comunque inferiori rispetto a quelle attese dall’Irs. Byrnes ha poi aggiunto che “ciò che accadrà a Facebook, aprirà la strada a ciò che accadrà agli altri”.

L’Irs sostiene che le varie componenti del business globale di Facebook debbano essere valutate congiuntamente e considerate come un pacchetto con un valore potenzialmente più elevato rispetto a quello della somma delle varie unità.

Con la prima revisione contabile di Facebook, l’Irs aveva calcolato un valore patrimoniale di 14 miliardi di dollari, circa il doppio della somma stimata dall’azienda. Tuttavia, lo scorso anno l’Irs ha alzato la stima a 21 miliardi di dollari. Ciò si traduce in un’imposta da 9 miliardi di dollari, oltre a interessi e sanzioni, circa l’equivalente delle tasse complessive sostenute da Facebook tra il 2018 e il 2019.

La controversia ha generato tre cause legali indipendenti, oltre a quella della U.S. Tax Court, che potrebbe costare a Facebook altri 680 milioni di dollari più interessi e sanzioni. Facebook ha poi criticato la richiesta aggiuntiva dell’Irs di documenti, deposizioni dei dipendenti e il recente cambiamento delle stime relative alle tasse.

Le controparti non riescono ad accordarsi su questioni di base e l’Irs ha minacciato di interpellare Sandberg e il ceo Mark Zuckerberg in qualità di testimoni, qualora la società e il governo non riescano a venire a patti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mediaset, il progetto Mfe va avanti. Il Tribunale olandese rigetta il ricorso di Vivendi

Mediaset, il progetto Mfe va avanti. Il Tribunale olandese rigetta il ricorso di Vivendi

Classifica AudiwebWeek informazione online (10-16 febbraio). Effetto Coronavirus: crescono quasi tutti i siti di news

Classifica AudiwebWeek informazione online (10-16 febbraio). Effetto Coronavirus: crescono quasi tutti i siti di news

Stretta di Facebook su cure false a Coronavirus e fake news

Stretta di Facebook su cure false a Coronavirus e fake news