Dalla Rossa al giallo

A 58 anni Daniele Bresciani scende in pista con il terzo romanzo, Anime trasparenti (Garzanti). Lo ha presentato ieri sera a Milano, in compagnia di Cochi (senza Renato) Ponzoni.

Che cosa accomuna il Responsabile dei contenuti nella comunicazione Ferrari all’attore e cabarettista della Canzone intelligente? Intanto l’atmosfera milanese, anche se vissuta con vent’anni di differenza: periferie, nebbie, non troppi soldi ma grande passione. Soprattutto per Ponzoni, che ricorda il clima di entusiasmo creativo creatosi negli anni Sessanta-Settanta intorno al bar Jamaica e al Derby, cabaret dove si esibiva con Pozzetto, Bruno Lauzi, Felice Andreasi. Ma c’è anche un aneddoto. Racconta Cochi: “Da bambino ero carino, con gli occhioni azzurri. Un giorno vado all’edicola con mio papà e mi si avvicina una signora elegante che mi propone di seguirla. Mi prende per mano e stiamo per salire su una macchina, con la portiera già aperta, quando mio padre se ne accorge, inizia a urlare e mi salva da quello che certamente doveva essere un rapimento”.

Nella foto, da sinistra: Giacomo Airoldi, Daniele Bresciani e Cochi

(Nella foto, da sinistra: Giacomo Airoldi, Daniele Bresciani e Cochi Ponzoni)

Interviene Bresciani: “I bambini spariti sono moltissimi, uno ogni 48 ore, e la maggior parte non viene mai ritrovata. L’idea del libro è nata da lì, due anni fa, il 25 maggio, che è la Giornata Internazionale per i Bambini Scomparsi”. Da quella prima intuizione, il libro è cresciuto, l’autore – che prima di mettersi a scrivere spiega di dover sapere esattamente qual è l’inizio e quale la fine della storia – ha iniziato a tracciare i personaggi, il cattivo puro (“Il più divertente da raccontare, come sempre con i le figure negative”), la storia d’amore fra un medico e una libraia. E soprattutto il protagonista Dario Miranda, ispettore alle prese con il giallo da cui parte il libro. Libro che Bresciani definisce poliziesco e che Cochi preferisce chiamare semplicemente romanzo, perché nelle storie thriller si assapora l’atmosfera sociale e culturale del mondo in cui viviamo, più che nelle narrazioni concentrate solo su una love story o l’epopea di una singola famiglia.

Alla Feltrinelli, ad assistere alla presentazione di Anime trasparenti, un pubblico di grandi fan. Del genere, del romanzo. E dello stesso Bresciani, compresi molti della sua ex redazione Vanity Fair, di cui è stato a lungo vicedirettore. Un mestiere, il giornalismo (Daniele ha lavorato anche alla Gazzetta dello Sport e a Grazia), che – confessa – gli è stato molto utile nella scrittura, con un lavoro approfondito di indagine sui tanti mestieri, dai medici ai poliziotti, dai magistrati agli avvocati, che si incontrano lungo il romanzo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

On air lo spot del Gruppo Roncaglia per presentare nuovo logo e nuovo pay off

On air lo spot del Gruppo Roncaglia per presentare nuovo logo e nuovo pay off

Italpress consolida la partnership con Ledif e presenta Tg Motori

Italpress consolida la partnership con Ledif e presenta Tg Motori

La nuova fase di Hearst: #ripartiamodaqui

La nuova fase di Hearst: #ripartiamodaqui