D-Share e Alfa Media, alleanza europea nei progetti digitali e nelle soluzioni software per l’industria dei media

soluzioni per editori

L’italiana D-Share e la tedesca Alfa Media hanno unito le forze per espandere la propria presenza a livello internazionale nel mercato delle tecnologie per i media: progetti digitali e soluzioni software per editori, broadcaster, radio, agenzie di stampa, eccetera.

Alessandro Vento

D-share è una delle realtà più attive in questo settore. Fondata nel 2010 da Alessandro Vento (amministratore delegato) assieme a un gruppo di professionisti dell’industria del publishing, in questi anni è cresciuta rapidamente sia in Italia che all’estero, arrivando a realizzare 195 progetti per 86 media brand in sette Paesi, come precisa il contatore che campeggia nella home page di dshare.com.

Una crescita contrassegnata da alcune tappe importanti, come l’ingresso nella società del fondo Principia Sgr, che nel 2013 ha sottoscritto un aumento di capitale da 1,8 milioni di euro; nel 2015 c’è stata poi la partecipazione del Gruppo L’Espresso (oggi Gedi), con cui D-Share ha sviluppato il sistema editoriale Kolumbus; l’ultimo step è del maggio 2019, quando l’Agi, l’agenzia di informazione dell’Eni, ha acquisito da Principia e GEDI la quota di controllo della società, rafforzando una collaborazione già in atto da diverso tempo.

Oggi D-Share è focalizzata su quattro linee di business. “La prima è quella Kolumbus, il sistema editoriale digitale, che oggi costituisce la parte più importante del nostri ricavi”, afferma Vento. “La seconda riguarda lo sviluppo dei progetti digitali per i media: tutti i prodotti per l’utente finale, dai siti web alle applicazioni, ai software per la personalizzazione dei contenuti digitali, inclusi il design e la progettazione funzionale. Abbiamo una squadra di news design, come li chiamiamo noi, che ha sviluppato progetti per moltissimi editori. La terza area di attività è quella delle applicazioni per smartphone e tablet, da cui siamo partiti dieci anni fa. Infine ci sono i progetti integrati con l’Agi; stiamo lavorando a una serie di soluzioni che mettono assieme tecnologie e contenuti; loro ci mettono i contenuti, noi la tecnologia; per esempio abbiamo sviluppato un sistema per la distribuzioni dei dati elettorali, Electio, e un sistema per la produzione di video, Agimotion”.

Jens Emmerich

Alfa Media, guidata da Jens Emmerich, è una delle imprese di tecnologie per i media più importanti della Germania, attiva da 40 anni nei Paesi di lingua tedesca, in nord Europa, Francia e in Oriente.
“Anche noi in questi anni siamo cresciuti bene all’estero”, prosegue Vento. “Abbiamo sviluppato progetti per editori e broadcaster in Spagna, Svizzera, Regno Unito, Lituania, Polonia e Stati Uniti. E abbiamo un piano, che vogliamo accelerare grazie al contributo di investimento del nostro nuovo socio di maggioranza, per crescere ancora di più all’estero. Dopo gli Stati Uniti, il secondo mercato al mondo per le tecnologie media è l’Europa centrale; è un mercato importantissimo ma sapevamo di non poter entrare da soli e che era necessario trovare un partner forte; l’abbiamo trovato in Alfa Media. La nostra è una bella e grande alleanza europea: un’azienda storica tedesca che si mette insieme con l’impresa italiana più innovativa nel campo dei media digitali”.
Da gennaio D-Share ha una nuova sede in via Tortona, di fronte al Mudec, il Museo delle culture di Milano, e si prepara a festeggiare il suo decimo compleanno, in aprile.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola oggi a Milano. Disponibile per tutti subito in edizione digitale

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola oggi a Milano. Disponibile per tutti subito in edizione digitale

La Stampa, accordo per ridurre i costi: 1 anno solidarietà al 15%, forfetizzazione straordinari, stabilizzazione contratti, taglio collaborazioni

La Stampa, accordo per ridurre i costi: 1 anno solidarietà al 15%, forfetizzazione straordinari, stabilizzazione contratti, taglio collaborazioni

Anzaldi scrive a ‘Prima’: propone la riforma Rai e attacca Cairo per i giudizi su Renzi

Anzaldi scrive a ‘Prima’: propone la riforma Rai e attacca Cairo per i giudizi su Renzi