La Stampa: prosegue lo sciopero delle firme giornalisti. Il Cdr: no a riduzione pagine e ridimensionamenti a Roma

“Prosegue lo stato di agitazione alla Stampa con lo sciopero delle firme a tempo indeterminato. Il direttore Maurizio Molinari lunedì ha presentato alla redazione torinese il nuovo piano digitale. La riorganizzazione, spiega il Comitato di redazione, prevede nuovi turni di lavoro, l’azzeramento degli straordinari e forti tagli ai compensi domenicali che si aggiungono ai drastici tagli già effettuati lo scorso anno. A ciò si aggiunge la riduzione di ben otto pagine dell’edizione nazionale che scenderà a 32 in tutto, indebolendo fortemente la versione cartacea che perde alcuni inserti come Tuttoscienze, da marzo solo nell’edizione web. Preoccupa, infine, il forte ridimensionamento della redazione romana, perché otto giornalisti su ventidue – tra cui sei donne – saranno trasferiti a Torino”.

La redazione della Stampa

“Il direttore, continua il Cdr, Maurizio Molinari venerdì scorso, nell’incontro con i responsabili dei desk torinesi, aveva escluso ulteriori decurtazioni agli stipendi, negando quanto aveva invece comunicato poche ore prima ai rappresentanti sindacali. Ieri Molinari ha infine ammesso che i tagli ci saranno e per questo motivo è stato aspramente contestato dalla redazione, che pur assicurando il massimo impegno per traghettare la testata verso il mondo digitale, ha respinto il piano per l’assenza di un serio piano di investimenti”.

“I giornalisti de La Stampa, dopo i due giorni di sciopero attuati la scorsa settimana, nei prossimi giorni continueranno a non firmare gli articoli”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA

Editoria, Riffeser (Fieg) alla Camera chiede più risorse (-403 milioni nel 1° semestre) e indica sei punti per evitare la desertificazione

Editoria, Riffeser (Fieg) alla Camera chiede più risorse (-403 milioni nel 1° semestre) e indica sei punti per evitare la desertificazione

Facebook, critiche di manager e dipendenti a Zuckerberg: non fa nulla contro Trump. Lui si difende: decisione dura

Facebook, critiche di manager e dipendenti a Zuckerberg: non fa nulla contro Trump. Lui si difende: decisione dura