Rai, niente nomine ai tg, tranne Ciannamea alla Distribuzione. Nel Cda di domani Salini rischia

Il Consiglio di amministrazione della Rai in corso stamattina voterà solo la nomina di Marcello Ciannamea gia direttore del Palinsesto editoriale a capo della Distribuzione, casella strategica della riorganizzazione della Rai. Non ci saranno invece le nomine ai telegiornali.
La novità imprevista è che domani si riunirà nuovamente il Cda in cui l’ad Fabrizio Salini esporrà una riflessione a tutto campo sulla situazione dell’azienda, sul percorso di riorganizzazione imboccato e sulle prospettive per il futuro.

Fabrizio Salini (Foto ANSA/ANGELO CARCONI)

Se Salini punta su un accordo nel consiglio portando la consigliera Pd Borioni nella maggioranza a sostegno della sua opera, le speranze di farcela non sono molte. E’ di pochi minuti fa infatti, la dichiarazione del Pd secondo cui “non se ne può più della paralisi del servizio pubblico e della palude  nella quale Salini e l’attuale management della Rai tengono in  ostaggio la più grande azienda culturale del Paese”.  “Si metta fine a questa agonia del servizio pubblico –  prosegue vicecapogruppo del Pd alla Camera dei deputati, Michele Bordo – ribadiamo che per quanto ci riguarda il tempo è finito e l’ad Salini deve valutare se proseguire, a questo punto, con  la sua esperienza in Rai così come se continuare a tenere ai vertici  dell’informazione i protagonisti della peggiore stagione in termini di pluralismo e informazione degli ultimi anni”.

Senza un’intesa con il Pd è non è da escludere una possibile uscita di Salini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%