Festival del Giornalismo alimentare a Torino: dal ‘doggy bag’ alla ‘spesa che sfida’

Il mondo del food ha sempre più rilievo nell’informazione. Tra mode, diete, scelte da tenere a tavola (vegan, o regimi dovuti a sopravvalutate intolleranze, che sono spesso motore per business poco chiari), sostenibilità della filiera produttiva e altro, scrivere di cibo – che non vuole dire stendere ricette – richiede competenze multidisciplinari. I giornalisti sono pronti o c’è approssimazione? La quinta edizione del Festival del Giornalismo alimentare ideato e diretto da Massimiliano Borgia, in corso al Centro Congressi del Lingotto di Torino fino al 22 febbraio, è un’occasione per farsi domande e riflettere sul tema. Che riguarda, con i lettori, una vasta platea di giornalisti, della carta stampata e della Rete, dove prolificano blog di diversa importanza, tenuti d’occhio dai produttori perché possibile veicolo di pubblicità.

Stamattina, 21 febbraio, si è discusso di “doggy bag” e “food bag”, il diritto a portarsi via gli avanzi del nostro pranzo al ristorante senza provare vergogna. Un’abitudine virtuosa, che riduce gli sprechi e che i giornalisti sono invitati a raccontare, in modo da diffonderla. Ne hanno parlato, con altri, Maria Chiara Gadda (prima firmataria in parlamento della legge antisprechi) e Ugo Alciati (associazione italiana ambasciatori del gusto). E si è toccato un argomento di massima importanza: il contrasto alle pratiche sleali nel cibo, che sottraggono risorse a un settore strategico e ne compromettono la reputazione (era prevista la partecipazione del ministro Teresa Bellanova).

Nel pomeriggio, il Festival è proseguito con una tavola rotonda sulle “ricette per chiudere la stagione della diffidenza”. Ricette informative: ne hanno parlato Carlo Verna (presidente Ordine dei giornalisti), Andrea Martella (sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all’editoria) e Vittorio Roidi (presidente della Fondazione Paolo Murialdi), moderati da Alberto Sinigaglia. Poi si è discusso di “spesa che sfida”, con Franca Braga (Altroconsumo), Marco Lucchini (presidente Banco Alimentare), Lisa Casali (Ecocucina) e l’infettivologo Luigi Bonizzi, moderati da Roberta Schira. Chi fa la spesa può aiutare il pianeta e allo stesso tempo risparmiare? Pare di sì.

Tra i relatori, nei numerosi incontri che danno il tono al festival torinese il decano dei critici Edoardo Raspelli, Luca Iaccarino di Vanity Fair, Eleonora Cozzella e Licia Granello (La Repubblica), Alberto Capatti. Tra i temi la radio e il racconto del cibo; l’inchiesta giornalistica nel mondo della produzione alimentare (coltivazioni, allevamenti); la critica gastronomica, luci e ombre; il turismo enogastronomico.

In apertura di festival, il 20 febbraio, è stato presentato il primo report sulla presenza del cibo nei media italiani, realizzato da L’Eco della stampa. Curiosità? Lo chef più citato è Gordon Ramsey, inglese, in prima linea nei progetti sociali, come il nostro Massimo Bottura. Tra i nomi italiani, spiccano Alessandro Borghese e il discusso Chef Rubio, vicino nel numero di citazioni ad Antonino Cannavacciuolo. Il report ha anche messo in luce una nuova figura: il “consumattore”, che secondo un’analisi di Guia Beatrice Pirotti, docente alla Bocconi, e coordinatrice del master in Food & Beverage, sarà sempre più protagonista consapevole nell’indirizzare le scelte alimentari.

 

 

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gedi: Perrore e Cir acquistano da Exor azioni di Giano Holding per partecipazione nell’editrice

Gedi: Perrore e Cir acquistano da Exor azioni di Giano Holding per partecipazione nell’editrice

Diritti tv: la Seria A sollecita Sky per il pagamento della rata di maggio, ma non oscura le partite

Diritti tv: la Seria A sollecita Sky per il pagamento della rata di maggio, ma non oscura le partite

Cresce in Italia l’attenzione sugli eSports. Ma anche il virtuale ha bisogno di tifosi live

Cresce in Italia l’attenzione sugli eSports. Ma anche il virtuale ha bisogno di tifosi live