Coronavirus, Mise: verso un decreto per la crescita; in arrivo misure per famiglie e imprese. Domani Patuanelli incontra gli imprenditori

“Stiamo monitorando attentamente l’evoluzione della congiuntura economica in relazione a quello che sta accadendo, è evidente che se questi dati venissero confermati sarà necessario adottare delle misure più significative, anche attraverso un decreto crescita che potrebbe a questo punto essere adottato a ridosso della presentazione del Def”. Lo ha annunciato il viceministro dell’Economia, Antonio Misiani, a Circo Massimo, su Radio Capital. “Se c’è una cosa che dobbiamo evitare in questa fase – aggiunge – è la prosecuzione di tensioni commerciali”.

Secondo il viceministro dell`Economia, Laura Castelli” stiamo lavorando al testo di un nuovo Decreto Legge che consenta ai cittadini e alle imprese che ricadono all`interno della Zona Rossa di affrontare questo periodo di ‘quarantena’ senza particolari preoccupazioni sotto l`aspetto delle incombenze fiscali e più generalmente per consentire al mondo dell`impresa un`immediata ripresa dell`attività al termine del periodo di isolamento”.

In queste ore, ha aggiunto Castell, “ho sentito tutti i colleghi di Governo, per fare in modo che il testo del Decreto sia il più completo possibile. Con il Ministero dello Sviluppo economico e le Agenzie fiscali stiamo rifinendo il testo, che sarà pronto nelle prossime ore per approdare in Consiglio dei Ministri.
Tra le diverse misure, che interverranno a sostegno di famiglie e imprese, prevederemo sicuramente la sospensione del versamento di tributi, bollette e contributi previdenziali. Il Ministro Patuanelli vedrà domani le categorie produttive per un confronto sulle ulteriori misure da adottare per tutelare il tessuto imprenditoriale del Paese”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%