“Infodemia”, il coronavirus fa impennare gli ascolti di tg e programmi di informazione

Con la diffusione del coronavirus  aumenta anche il bisogno di informarsi e rimanere aggiornati sugli sviluppi della situazione.  Primaonline ha pubblicato ieri lo studio Sensemakers sull’impatto della comunicazione social. Oggi riportiamo un’analisi di  Havas Media presenta la sua analisi dell’impatto di questa “infodemia” nell’industry della comunicazione.
Analizzando gli ascolti televisivi del 23-24 febbraio e confrontandoli con il weekend precedente, osserviamo, scrive Havas Media,  che l’audience TV è aumentata del 3,5%, con più spettatori (+1,4%) che hanno guardato la televisione per più tempo (+2,1% minuti di tempo spesi davanti allo schermo).
I programmi di informazione, che nel weekend si concentrano soprattutto sulle news veicolate dai telegiornali, hanno visto una crescita in doppia cifra delle audience: +40% per il TG5 e +18% per il TG1. Il TG di La7 ha registrato un +37%, mentre sempre su La7 domenica sera Non è l’Arena di Giletti ha visto un +24%.
Crescita anche delle audience dei canali all news: +132% per Tgcom24, +146% per Rai News 24, +213% per Sky TG24.
La crescita si è avuta soprattutto su quella parte di pubblico generalmente meno attiva sulla televisione tradizionale: <64 anni, alta scolarizzazione, classe socioeconomica alta e medio-alta.


Per quanto riguarda le menzioni di “coronavirus” e “corona virus” generate in Italia sul totale globale rilevato siamo passati dal 3% prima del 22 febbraio, a circa il 16%, con una crescita continua tra il 22 e il 24 febbraio.
In Italia da inizio 2020 si sono registrate quasi 2 milioni di mention, di cui il 43% realizzato solo lo scorso weekend. Se quindi nel resto del mondo il trend è rimasto stabile, in Italia il Coronavirus è diventato uno dei temi di discussione principali.

Il sito con il volume di menzioni maggiore è Twitter (635.360), seguito con notevole distacco da Facebook (33.517) e Reddit (9.636), anche se i dati provenienti da Facebook sono fortemente sottostimati.
Le ricerche su Google seguono di pari passo il trend social: un primo picco a fine gennaio, seguito poi dall’esplosione di questi ultimi giorni. Guardando la distribuzione per regione, la Lombardia si presenta al primo posto.
Negli ultimi giorni è soprattutto la situazione in regioni come Lombardia, Veneto e Piemonte a preoccupare: si parla delle misure prese del governo, ci si informa sul numero di contagi e sulla condizione dei malati.
In Italia si parla del Coronavirus con un focus sulle notizie di attualità, mentre nel resto del mondo negli ultimi giorni hanno iniziato ad associare il Coronavirus al nostro Paese.

Guido Surci, Chief Sports & Intelligence Officer di Havas Media, commenta: “Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato come “l’infodemia” sia un aspetto da non sottovalutare. Indubbiamente anche i numeri italiani parlano di un’altissima attenzione a tutte le informazioni che circolano su Coronavirus. In questo contesto l’informazione televisiva si conferma come un punto di contatto autorevole, ribadendo la sua meaningfulness.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> Venerdì 27 e Sabato 28 </strong> Papa Francesco urbi et orbi. E poi Amici, Conte, Bonolis e Fiorello in evidenza

Venerdì 27 e Sabato 28 Papa Francesco urbi et orbi. E poi Amici, Conte, Bonolis e Fiorello in evidenza

Cairo spiega come stanno le cose

Cairo spiega come stanno le cose

Coronavirus, firmato decreto per autonomi e professionisti. Indennità 600 euro a marzo anche per iscritti Inpgi2

Coronavirus, firmato decreto per autonomi e professionisti. Indennità 600 euro a marzo anche per iscritti Inpgi2