Rcs si affida a Volocom per i servizi di rassegna stampa

La società Volocom ha sottoscritto l’accordo con Rcs MediaGroup per le “licenze d’uso dei contenuti editoriali ai fini di monitoraggio e rassegna stampa”. Volocom fa sapere che il servizio Edicola Digitale ha già sottoscritto oltre 50 accordi con diversi editori per garantire ai propri clienti la fruizione di circa 500 testate giornalistiche.

Valerio Bergamaschi

“Tra i valori della Volocom, fondamentale è il rispetto di tutte le normative e della qualità dei propri processi”, dice Valerio Bergamaschi, Amministratore Unico della Volocom, “per questi motivi è stata tra le prime società di Media Intelligence a sottoscrivere la licenza Agenzie di Rassegna Stampa (ARS) con la società Repertorio Promopress della FIEG, e ha ottenuto l’accreditamento come Intermediario presso Accertamento Diffusione Stampa (ADS) secondo il regolamento emesso per la certificazione delle copie digitali. Auspichiamo che presto si possa fare chiarezza e tutti gli operatori di Rassegna Stampa regolarizzino le loro posizioni con gli Editori così da poter tornare a competere lealmente in un mercato che deve assicurare il diritto all’informazione ai Clienti Finali, lo sviluppo sostenibile degli operatori di Rassegna Stampa e il giusto riconoscimento agli Editori per il loro prezioso lavoro.”

Questo accordo è esteso anche ai partner ARS, aderenti al Repertorio Promopress, che utilizzano la piattaforma VoloPress di Volocom per erogare servizi di Rassegna Stampa ai propri clienti.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti