Rai Pubblicità: la casa dello sport, la casa delle emozioni

Il 2020 per Rai è l’anno dello sport: dal calcio, con le partite delle tre Nazionali (maggiore, Under 21, femminile) e la Coppa Italia, al ciclismo (grandi classiche, Giro d’Italia, Tour de France), dallo sci (Coppa del Mondo), alle Olimpiadi di Tokyo, dai campionati di basket e pallavolo all’America’s Cup, dagli Europei di nuoto e atletica a Formula 1, MotoGP… e tanto altro ancora.

Per i veri appassionati come per i tifosi saltuari lo sport è emozione. Noi vogliamo mettere quella passione a contatto con i brand, con il mondo commerciale, che è alla ricerca di quel tipo d’intensità: la chiave per superare la barriera d’indifferenza che contraddistingue la nostra contemporaneità in overdose di comunicazione.
Lo sport, in Rai, garantisce questo e molto altro: grandi ascolti, autenticità, genuinità, empatia. Ma soprattutto un contesto positivo che aumenta considerevolmente l’attenzione per i messaggi coerenti. La copertura totale è garantita da una pianificazione crossmediale capace di allacciare relazioni tra i brand e il pubblico destinate a durare, perché è dalle passioni più coinvolgenti che nascono relazioni autentiche e durature.
Rai Pubblicità seguirà questi grandi appuntamenti sportivi attraverso una serie di branded content perfettamente integrati nello storytelling dell’evento, oltre che format pubblicitari personalizzati e iniziative crossmediali “vestite” per l’occasione, fermo restando le guideline che seguono gli accordi di sponsorship presi a livello internazionale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali