All’Open di Milano i volontari di Slanciamoci, organizzatori della Festa Rock, si raccontano

Condividi

Lunedì 9 marzo all’Open, in via Montenero 6, incontro organizzato da Slanciamoci, associazione non profit costituita per raccogliere fondi a favore della ricerca e la cura della SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica), attraverso Feste Rock.
Un incontro allegro, come si addice a degli appassionati del rock, per raccontare il segreto del loro successo. Slanciamoci, un caso unico originale e sostenibile aiuta la raccolta fondi, ma comunica anche con un giusto story-telling una organizzazione fatta solo di volontari, marketing e di musica, che promuove da dieci anni la Festa Rock, che ha visto 30.000 partecipanti di tutte le età, raggiungendo una raccolta di più di 500.000 euro donati alla Fondazione Serena Onlus-Centro Nemo di Niguarda e alla Fondazione Need Instituite.

Perché il Rock come elemento catalizzatore? “Perché il Rock ha sempre prestato grande attenzione alle cause sociali. E’ una musica che integra ritmo, dinamismo, ma anche armonia e passione intelligente, tutti valori adeguati a stimolare desiderio di partecipazione”, spiega Laura Cantoni, cofondatrice della associazione. “Quello che rende speciali le nostre feste è la ricerca attenta e puntuale dei brani, raccolti in anni di passione per il Rock da Nanni Anselmi, primo presidente dell’Associazione, e l’allegria dei numerosissimi partecipanti che riempiono il grande spazio dell’ Alcatraz”.
Il prossimo appuntamento è il 2 Aprile all’Alcatraz, via Valtellina 25, Milano

Per partecipare all’incontro all’Open scrivere a segreteria@slanciamoci.it; o chiamare Laura: 333-6227223. Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.