Classifica Comscore dell’informazione online a gennaio. Tre quarti dei media in crescita. Citynews e Fanpage sempre in testa

Con la ripresa delle attività dopo le ferie di fine anno aumentano i visitatori dei siti di informazione. È una tendenza che si verifica tutti gli anni e i dati di Comscore relativi al gennaio 2020 la confermano. Tra i cento media della nostra classifica, tre quarti (74 per la precisione) sono in crescita; uno è stabile (Quattroruote.it) e solo 25 sono in calo.

Crescono in particolare i quotidiani: Leggo.it +14%; il Corriere della Sera +17%, Il Sole +24%, IlMessaggero.it +18%, IlFattoQuotidiano.it +20%, QuotidianoNet e le altre testate del gruppo Caltagirone +25%, IlGiornale.it +28%, Gds.it (il Giornale di Sicilia) +31%, IlMattino.it +33%, IlTempo.it +70%, fino al record di Corr.it (il Corriere dell’Umbria, di Rieti e di Viterbo) che mette a segno un +107%. Fanno eccezione IlGazzettino.it e LiberoQuotidiano.it, entrambi in lieve calo. Ricordiamo che, su richiesta dell’editore, dalla classifica sono esclusi Repubblica, La Stampa e gli altri giornali del gruppo Gedi.

Ottimo anche l’andamento dei siti di informazione dei brodcaster e delle agenzie di stampa: TgCom24 con i siti aggregati di Mediaset (l’elenco è in coda alla tabella) è cresciuto del 17%, RaiNews del 35%, l’Ansa e l’Adnkronos del 27%, l’Agi del 56%. Fa eccezione SkyTg24 in calo dell’8%.

Anche tra i giornali online nativi digitali i segni sono quasi tutti positivi: Citynews con i suoi 50 giornali locali online totalizza un +2%, TPI +3%, Affaritaliani +18%, Fanpage +23%, Blogo +33%, Notizie.it +34%. In zona negativa ci sono solo BlastingNews.com e IlPost, che però – come gli altri media indicati in grigio nella tabella – non adotta i tag di Comscore, quindi il suo dato è solo campionario. Manca, tra i giornali nativi digitali l’HuffPost, che fa capo al gruppo Gedi, escluso per il motivo già detto.

Le prime due posizioni in classifica sono occupate, come sempre, da Citynews, il gruppo editoriale di Luca Lani e Fernando Diana, e da Fanpage, il giornale online edito dalla Ciaopeople di Gianluca Cozzolino. TgCom24 sale al terzo posto, seguito dal Corriere della Sera, quarto. Guadagna due posizioni il network di QuotidianoNet, quinto, mentre IlFattoQuotidiano.it si conferma al sesto posto. Come tutti i siti di cucina, dopo le abbuffate di fine anno perde quota Giallozzafferano, che scende dalla terza alla settima posizione. IlMessaggero.it è ottavo (in dicembre era decimo). Chiudono la top ten il network di siti tematici Web365 e MyPersonalTrainer, che raggruppa i magazine online su salute e fitness del gruppo Mondadori.

Confrontando il dato sui visitatori unici del gennaio 2020 con quello del gennaio 2019, non ci sono novità nelle prime tre posizioni, occupate anche un anno fa da Citynews (in crescita del 17%), Fanpage (+21%) e TgCom24 (-3%). Guadagnano posizioni il Corriere della Sera (+44%) e QuotidianoNet (+37%). Visitatori in aumento anche per IlFattoQuotidiano.it (+24%) e IlMessaggero.it (+15%), che scende però di una posizione per l’ingresso in classifica di Giallozzafferano. Chiudono la top ten due nuove aggregazioni, Web365 e MyPersonalTrainer, che prendono il posto di TPI.it e Termometropolitico.it.
Questi due ultimi siti nel 2018 avevano scalato la classifica dell’audience fino ad arrivare nelle prime posizioni, forse anche grazie a qualche artificio nell’indicizzazione sui motori di ricerca, ma nel 2019 il loro traffico è calato drasticamente: TIP è sceso da 13 milioni 739mila a 2 milioni 541mila visitatori unici mensili e oggi al 74esimo posto; TermometroPolitico.it è 90esimo con 2 milioni 172mila visitatori, contro i 13 milioni 730mila del gennaio 2019.

Per segnalare novità e altre informazioni utili per la corretta interpretazione dei dati, scrivere a cazzola@primaonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco cosa cercano online gli italiani in quarantena: streaming, musei virtuali e allenamenti a casa

Ecco cosa cercano online gli italiani in quarantena: streaming, musei virtuali e allenamenti a casa

Sport, le stelle Nba tornano a sfidarsi in un videogame

Sport, le stelle Nba tornano a sfidarsi in un videogame

Vivendi finalizza la vendita del 10% di Umg a un consorzio Tencent. 100% dell’azienda valutato 30 miliardi

Vivendi finalizza la vendita del 10% di Umg a un consorzio Tencent. 100% dell’azienda valutato 30 miliardi