Cinecittà: a Maria Pia Ammirati la presidenza dell’ente

Maria Pia Ammirati, dirigente Rai, arriva alla presidenza di Cinecittà, l’ente pubblico posseduto e finanziato dal Ministero per i beni e delle Attività culturali. Ammirati subentra a Roberto Ciccutto, che il ministro Mibact Dario Franceschini ha voluto alla presidenza della Biennale di Venezia.

Insieme alla presidente è stato designato anche il nuovo Cda di cui fanno parte, oltre che alla stessa Ammirati, Annalisa De Simone, scrittrice ed ex presidente del Teatro Stabile d’Abruzzo, e Goffredo Bettini, storico dirigente del Partito Democratico, molto influente nella segreteria di Zingaretti.

Chi ha temuto una nomina politica nel senso letterale del termine, non fosse altro perché le candidature più gettonate della vigilia erano quelle di Marco Follini, ex parlamentare di lungo corso e già presidente di Apt, e dello stesso Bettini, ha apprezzato la scelta di Maria Pia Ammirati dal profilo più tecnico.

Maria Pia Ammirati (Foto ANSA/ANDREA FASANI)

Scrittrice (ha firmato diversi romanzi tra cui ‘I cani portano via le donne sole’ selezionato tra i finalisti dello Strega) e giornalista (ha collaborato con riviste letterarie), con un grande giro di relazioni, storicamente vicina al Partito democratico Ammirati è una dirigente televisiva della Rai di esperienza. Dal 2014 è direttore delle Teche, il prezioso patrimonio storico dell’archivio Rai e si è anche impratichita nel digitale essendo come responsabile Content della direzione Digital diretta da Gian Paolo Tagliavia (quella che ha lanciato in orbita Rai Play). Precedentemente era stata per dieci anni vicedirettore di Raiuno ai programmi di day time (‘Uno Mattina’, ‘Linea verde’, ‘Verdetto finale’, ‘La vita in diretta’ e ‘Domenica in’).

Le nomine di Cinecittà sono il frutto di un accordo tra Franceschini e il ministro grillino dello Sport Vincenzo Spatafora. Lo stesso team che ha gestito la partita delle nomine Rai delle scorso gennaio da cui era stata esclusa la Ammirati che alla vigilia era candidata a Raitre e a Rai Doc. La nomina a Cinecittà è molto più che un risarcimento, tanto più che la Ammirati era stata già inserita da Franceschini nel partenariato del Miac, il Museo di Cinecittà voluto dal ministro con molta determinazione e inaugurato due mesi fa e gestito in collaborazione con le Teche Rai.
La nomina di Bettini è ovviamente targata dem mentre quella della De Simone, spinta da Maria Elena Boschi, di Italia Viva.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti