Ferrero, Armani, Lavazza tra le prime 100 aziende italiane con migliore reputazione internazionale. Nel mondo sul podio Lego, Walt Disney e Rolex

Reputation Institute ha inserito Ferrari al quarto posto del Global RepTrak100, 2020, l’annuale classifica che riporta le 100 aziende con la migliore reputazione a livello mondiale, dopo avere intervistato oltre 80mila consumatori in 15 Paesi.

Sul podio le stesse tre aziende dell’edizione 2019 con Lego al 1° posto (2° nel 2019), seguita da Walt Disney (3° nel 2019) e Rolex (1° nel 2019).

Ferrari, a seguito della separazione da FCA, da sempre ambasciatore dello stile e del genio italiano, è stata inclusa nella classifica globale per aver saputo mantenere negli ultimi tre anni un’eccellente reputazione nel suo mercato di riferimento. Ferrari conquista così una posizione di grande rilievo nel più ampio e approfondito studio sulla reputazione delle aziende a livello mondiale in chiave comparativa.

Ecco la Top ten della Global Rep Trak100, 2020:

1. LEGO
2. WALT DISNEY COMPANY
3. ROLEX
4. FERRARI
5. MICROSOFT
6. LEVI’S
7. NETFLIX
8. ADIDAS
9. BOSCH
10. INTEL

“Un primato italiano che ci rende particolarmente orgogliosi – ha dichiarato Michele Tesoro Tess, Executive Vice President di Reputation Institute Europe – In particolare, dallo studio abbiamo riscontrato che Ferrari è riuscita a costruire un notevole legame emotivo tra i consumatori, a livello globale: un elemento fondamentale per il rafforzamento della propria reputazione, che la contraddistingue in modo significativo, riconosciuto da oltre il 60% degli intervistati.”
“Ma Ferrari non è l’unico brand italiano che sta migliorando il proprio indice reputazionale a livello mondiale – ha aggiunto Tesoro Tess.

La Global RepTrak100, 2020 infatti, mette in evidenza come anche altre importanti aziende italiane, in particolare nel settore Food & Beverage godano di un forte apprezzamento al livello mondiale: Ferrero, Lavazza, Barilla, Pirelli entrano infatti nella top 100 insieme ad Armani, icona di stile ed eleganza nel mondo

Più in generale lo studio di Reputation Institute mette anche in luce un incremento della reputazione complessiva, dovuto in gran parte al rafforzamento della percezione positiva in alcune “dimensioni reputazionali” collegate alla responsabilità sociale d’impresa (Citizenship, Governance, Workplace), a dimostrazione di quanto i consumatori di tutto il mondo apprezzino le aziende non solamente per la qualità dei prodotti/servizi, ma anche per il loro company purpose, e l’insieme dei valori condivisi che lo sostengono.
Fra le tematiche che sono sempre più influenti nella valutazione reputazionale di un’azienda la Global RepTrak100, 2020 registra la crescente attenzione dei consumatori per la data security e la necessità di definire e condividere un corporate purpose specifico, che attualmente è considerata una priorità in termini di reputazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco cosa cercano online gli italiani in quarantena: streaming, musei virtuali e allenamenti a casa

Ecco cosa cercano online gli italiani in quarantena: streaming, musei virtuali e allenamenti a casa

Sport, le stelle Nba tornano a sfidarsi in un videogame

Sport, le stelle Nba tornano a sfidarsi in un videogame

Vivendi finalizza la vendita del 10% di Umg a un consorzio Tencent. 100% dell’azienda valutato 30 miliardi

Vivendi finalizza la vendita del 10% di Umg a un consorzio Tencent. 100% dell’azienda valutato 30 miliardi