Usa 2020: Bloomberg si ritira dalla corsa alla nomination dem

All’indomani dei risultati del Super Tuesday, che hanno visto la corsa per la nomination dem convergere principalmente su Bernie Sanders e Joe Biden, Michael Bloomberg ha deciso di fare un passo indietro.
“La matematica dei delegati è diventata virtualmente impossibile”, ha detto Bloomberg annunciando il suo ritiro e comunicando l’intenzione di appoggiare Biden.

L’ex sindaco di New York aveva iniziato la sua campagna per le primarie dem alla fine del novembre scorso, ben più tardi rispetto agli altri contendenti, e concentrando la maggior parte dei suoi sforzi proprio sul voto del 3 marzo – quando ad essere chiamati alle urne erano gli elettori di 14 stati (tra cui California, North Carolina e Texas), con in palio 1357 delegati sui 3979 complessivi.

Michael Bloomberg (Foto Ansa – EPA/JUSTIN LANE)

“Tre mesi fa, sono entrato nella corsa per la presidenza per sconfiggere Donald Trump. Oggi lascio per la stessa ragione: per sconfiggere Donald Trump perché mi è chiaro che restare renderebbe l’obiettivo più difficile”, ha spiegato in una mail ai suoi sostenitori l’ex sindaco di Ny, proprietario di un impero media (omonima agenzia compresa), che si era detto disponibile a vendere in caso di vittoria.

“Ho sempre creduto che sconfiggere Donald Trump inizi con unirsi dietro il candidato che abbia le migliori chance per farlo. Dopo il voto di ieri, è chiaro che il candidato è il mio amico e un grande americano, Joe Biden”, ha aggiunto. “Oggi sono felice di appoggiarlo e lavorerò per renderlo il prossimo presidente degli Stati Uniti”, ha assicurato.

Secondo le stime, la sua campagna è costata quasi mezzo miliardo di dollari ed è stata interamente autofinanziata dalla stesso Bloomberg, nono uomo più ricco al mondo, con un patrimonio da 61 miliardi di dollari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali