Coronavirus impatta negativamente anche sull’audiovisivo. Leone (Apa): a rischio il 50% delle produzioni

Condividi

Giancarlo Leone,  presidente Associazione Produttori Audiovisivi e amministratore delegato Q10 Media, lancia l’allarme via social.  “L’emergenza coronavirusitalIa sta toccando drammaticamente l’intero settore dell’audiovisivo, scrive, non solo cinema e sale ma anche serialità tv, intrattenimento, , documentari e animazione”.

“Sono a rischio oltre il 50% delle produzioni”, scrive il presidente Apa che si augura l’intervento del governo.

“Entro pochi giorni”, scrive ancora Leone sui social, “potrebbero essere rivoluzionati i palinsesti delle reti televisive per gli effetti del coronavirusitalIa sulle produzioni di intrattenimento e, a tendere, sulle consegne della serialità tv”.