Rai: ok dal Cda al canale in inglese. Tra gli obiettivi il rilancio del Made in Italy

Il Cda della Rai ha deciso all’unanimità di procedere all’implementazione del canale in inglese, stabilendo che avrà sede a Milano e sarà avviato nel più breve tempo possibile. Il canale – informa una nota di Viale Mazzini – avrà tra i suoi obiettivi il rilancio dell’immagine del Paese e del Made in Italy nel mondo, compito che la Rai ritiene fortemente auspicabile alla luce delle ripercussioni che sul sistema Italia potrà avere l’emergenza Coronavirus.

La sede Rai di Viale Mazzini (Foto Ansa -ALESSANDRO DI MEO)

Nel corso del Cda si è preso atto “dell’intenso lavoro della Task Force Rai per il recepimento in azienda delle direttive governative per il contrasto al Covid-19. Si è quindi discussa la riprogrammazione dei palinsesti resa conseguentemente necessaria da misure che hanno impatti sia sull’organizzazione aziendale, sia sull’offerta per il pubblico”.

Infine, tra i temi discussi, anche i ricorsi che la Rai si appresta a presentare contro le recenti delibere dell’Agcom, “gravemente discriminatorie e dannose per il servizio pubblico”.

“In un quadro di valorizzazione complessivo dei centri di produzione si valuterà la fattibilità del canale in inglese a Milano”, è stato poi precisato dai consiglieri di Viale Mazzini Rita Borioni e Riccardo Laganà in merito alla seduta del cda. All’interno del cda, rilevano i consiglieri, “abbiamo posto il tema del centro di produzione di Milano, attualmente in sofferenza, e del suo futuro nella sede produttiva di Portello, oggetto della cosiddetta ‘vertenza Milano'”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti