Coronavirus, le associazione dei comunicatori insieme per una ‘comunicazione positiva’ che aiuti il Paese

Ascai, Cida, Com&Tec, Confassociazioni, Ferpi, Iaa, Una scendono in campo con un’unità operativa permanente di professionisti della comunicazione e del management, per suggerire alle Parti Sociali e alle Istituzioni un programma di azioni utili al superamento dell’attuale contesto di crisi e al rilancio del Made in Italy e del Sistema Italia 7 marzo 2020 – L’emergenza “Corona Virus” ha messo in evidenza quanto sia fondamentale una corretta comunicazione articolata su azioni in grado di gestire i danni economici, di immagine e reputazionali che il nostro Paese sta subendo.

Da sinistra nella foto: Andra Cornelli, vicepresidente UNA, Rita Palumbo Segretario Generale FERPI, Mario Mantovani, presidente CIDA, Angelo deiana, presidenre Confassociazioni, Maurizio Incletolli, presidente ASCAI, Tziana Siciali, presidente Com&Te

 

Saper gestire la complessità in momenti di crisi è compito della “buona comunicazione”.
La Rete delle Associazioni dei Comunicatori e del Management scende in campo e mette a
disposizione del Paese le competenze, l’esperienza e le capacità progettuali dei propri soci. E, a
questo scopo, ha costituito un’unità operativa permanente di professionisti altamente qualificati e
specializzati in tutte le aree coinvolte nel processo di gestione delle situazioni di crisi nazionale.
Un pool di professionisti, manager e agenzie a disposizione delle nostre Istituzioni e delle Parti
Sociali a livello nazionale, regionale e locale, in grado di garantire un confronto costruttivo, utile a
disegnare insieme i prossimi passi a sostegno delle aziende italiane e a difesa della reputazione del
nostro Paese in questo momento critico.

Ecco le prime proposte operative della Rete delle Associazioni della Comunicazione:
1. Comunicare l’Italia che non si ferma: un programma di azioni che sia in grado di trasformare
l’attuale “comunicazione di crisi” in “comunicazione positiva”. Un piano di comportamenti e
azioni di comunicazione di gestione della crisi, di business continuity e di rilancio
reputazionale, elaborato dagli esperti delle nostre Associazioni che sarà presentato alle Parti
Sociali e alle Istituzioni.ASCAI www.ascai.it – CIDA, www.cida.it – COM&TEC, www.comtec-italia.org – CONFASSOCIAZIONI,
www.confassociazioni.eu – FERPI, www.ferpi.it – IAA Italy, www.iaaitalychapter.it – UNA, https://unacom.it
2. Testimoniare il lavoro ai tempi del “Corona Virus”: il racconto – attraverso la voce di
lavoratori e imprenditori – su come è cambiata l’organizzazione e la comunicazione nei posti
di lavoro e le ricadute sulle famiglie. Una radiografia del fenomeno per far luce sui rischi
occupazionali e sulle crisi aziendali.
3. L’Italia dei giovani post COVID19: una campagna di sensibilizzazione che veda i giovani
protagonisti della “ricostruzione” del nostro Paese.
4. Made in Italy e Sistema Italia: un “white paper”, un documento in grado di essere la base
per avviare il percorso di rilancio dell’immagine del nostro Paese nel mondo attraverso le
articolazioni internazionali delle Associazioni della Rete.

Ogni Associazione della Rete vanta competenze specifiche di alto valore professionale in tutti i
campi della Comunicazione e della gestione aziendale. Un patrimonio di cultura e professionalità di
cui l’Italia ha bisogno, e di cui Forze Sociali e Istituzioni possono avvalersi per rilanciare la
reputazione e l’economia del nostro Paese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Calcio, ok dal Cts al protocollo gare della Figc

Calcio, ok dal Cts al protocollo gare della Figc

Rai, l’ad Salini smentisce le voci di dimissioni: eventualità esclusa. Obiettivo portare avanti percorso iniziato

Rai, l’ad Salini smentisce le voci di dimissioni: eventualità esclusa. Obiettivo portare avanti percorso iniziato

Michele Serra resta a Repubblica, “casa mia”: ogni editore è ingombrante. Ai lettori: giudicate il giornale da come sarà fatto

Michele Serra resta a Repubblica, “casa mia”: ogni editore è ingombrante. Ai lettori: giudicate il giornale da come sarà fatto