Facebook, l’Australia fa causa al social per Cambridge Analytica: esposti i dati di 311mila utenti

L’autorità australiana per la protezione dei dati personali (Oaic) ha deciso di portare Facebook in tribunale per Cambridge Analytica. Scoppiato agli inizi del 2018, lo scandalo ha visto la società inglese – ora fallita – accusata di aver raccolto i dati di 87 milioni di utenti del social per profilarli in modo da mostrare loro pubblicità politica mirata durante la campagna per le presidenziali americane del 2016.

Angelene Falk

In una nota diffusa l’Oaic imputa a Menlo Park di aver “commesso gravi e/o ripetute interferenze con la privacy in violazione della legge australiana sulla privacy”. L’Autorità sostiene che Facebook abbia divulgato illegalmente le informazioni personali degli australiani, quando ha condiviso i loro dati con l’app di Cambridge Analytica nel 2014 e 2015.

Facebook “ha lasciato i dati personali dei circa 311mila utenti australiani esposti all’essere venduti e usati per scopi tra cui la profilazione politica, ben oltre le aspettative degli utenti”, ha dichiarato la commissaria alla privacy Angelene Falk.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali