Twitter bolla come ‘manipolato’ un video retwittato da Trump

Twitter etichetta per la prima volta come “manipolato” un video diffuso sulla sua piattaform. Si tratta di un filmato, tagliato ad hoc, che mostra il candidato democratico alla presidenza Usa Joe Biden dire: “Possiamo solo rieleggere Donald Trump”.

Il video, rilanciato dallo stesso Trump, e visualizzato 5,9 milioni di volte, è stato postato su Twitter dal responsabile dei social media della Casa Bianca, Dan Scavino.

 

Per Twitter si tratta della prima applicazione di una nuova norma – annunciata a febbraio ed entrata in vigore la settimana scorsa – che mette nel mirino foto e video manipolati in modo sostanziale per alternarne il significato, e condivisi per trarre in inganno chi li vede.
Ovviamente la scelta del social ha provocato diverse reazioni, sollevando accuse a Twitter di essere pro Biden. Scavino ha ribadito come il video non sia stato manipolato, retwittando poi cinguettii di altri utenti che sottolineano come il contenuto sia stato invece tagliato, senza effettuare altri interventi.

E’ la seconda volta nel giro di pochi giorni che un contenuto legato in modo più o meno diretto a Trump viene messo nel mirino dei social, spingendoli ad intervenire. La scorsa settimana Facebook ha rimosso una pubblicità che, richiamando l’attenzione sull’imminente censimento Usa, in partenza il prossimo mese, in realtà rimandava a siti elettorali dell’attuale inquilino della Casa Bianca.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali