Giovani sempre più sul web per informarsi. Analisi Agcom: offerta non aggiornata a nuovi linguaggi

La fuga delle nuove generazioni dai mezzi tradizionali – evidentemente legata a un’offerta che non soddisfa le esigenze informative dei più giovani – e una vera e propria dipendenza tendenziale verso una sola fonte informativa, la rete. Sono i trend che emergono da ‘L’informazione alla prova dei giovani’, rapporto pubblicato da Agcom.

Lo studio, tenendo conto dell’eterogeneità e complessità del mondo giovanile, utilizza una prospettiva innovativa che mette insieme la domanda di informazione e l’offerta presente oggi in Italia. L’elevata domanda di informazione tra i giovani si scontra, di fatto, con limiti di confezionamento e stili espressivi appiattiti su un’offerta tradizionale, decisamente troppo poco aggiornata rispetto ai “linguaggi utenti”, favorendo una specie di segregazione dei giovani nel mondo della rete, che diventa troppo spesso l’unico medium in grado di dar voce alle loro esigenze informative.

(elaborazione Agcom)

È così che, evidenzia lo studio, i giovani si rifugiano sempre più spesso sui social, e lo fanno per informarsi, svolgere mille attività quotidiane, interagire tra loro, finendo per appartarsi entro i confini ristretti della generazione di riferimento.

(elaborazione Agcom)

Il rapporto rileva, inoltre, come l’informazione sia fonte di gratificazione e felicità a tutte le età: leggere, cercare curiosità, informarsi sono attività generatrici di soddisfazione e rappresentano sia uno stimolo che una risorsa antistress per le generazioni mature come per quelle più giovani. La ricerca chiarisce, inoltre, che non tutta l’informazione si traduce in soddisfazione, ma solo quella che più si attaglia ai punti di vista e agli stili comunicativi delle diverse generazioni: l’informazione tradizionale per i più maturi, quella in rete per i giovani.

(elaborazione Agcom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La televisione in Italia vale 9 miliardi, lo 0,5% del Pil. Mediobanca fotografa il mercato radiotv 2018: giro d’affari in crescita dell’1,8%

La televisione in Italia vale 9 miliardi, lo 0,5% del Pil. Mediobanca fotografa il mercato radiotv 2018: giro d’affari in crescita dell’1,8%

La fruizione dei media degli italiani secondo Censis: boom mobile tv, bene radio, giù stampa ma crescono i siti di informazione

La fruizione dei media degli italiani secondo Censis: boom mobile tv, bene radio, giù stampa ma crescono i siti di informazione

Top 15 programmi tv più attivi sui social e post più condivisi. A gennaio in testa c’è Amici; new entry C’è posta per te e Igt

Top 15 programmi tv più attivi sui social e post più condivisi. A gennaio in testa c’è Amici; new entry C’è posta per te e Igt