Classifica dei video creator italiani più attivi sui social a febbraio. Vincono I Me contro Te

Da questo mese proponiamo una nuova classifica di Sensemaker basata sui dati di Shareablee, quella dei video creators, una particolare categoria di influencer che deve la propria popolarità alla realizzazione di video, diffusi sulle principali piattaforme di condivisione: Facebook, Instagram, Twitter e Youtube.La classifica è è ordinata secondo il numero delle visualizzazioni totalizzate sulle quattro piattaforme; le interactions, invece, sono la somma dei like, dei commenti e delle condivisioni.

Quello dei video creator è un fenomeno in rapida evoluzione, partito solo pochi anni fa, per iniziativa di giovani appassionati che si fanno in casa i propri video, spesso basati su scherzi, parodie, canzoncine o battute, ma a volte anche su contenuti più seri, come tutorial e guide. Oggi alcuni di loro sono diventati vere e proprie web star, che registrano audience da programmi televisivi e raccolgono notevoli investimenti pubblicitari.

Classifica Influencers Video Creators febbario

La classifica di febbraio vede al primo posto un esempio tipico di questa nuova forma di entertainment, i Me contro Te, “la coppia più pazza del web”, come si definiscono nel loro profilo: Luigi Calagna, in arte Luì, e Sofia Scalia, in arte Sofì; 28 anni lui, 23 anni lei, entrambi siciliani. Si sono fatti conoscere attraverso i loro video pubblicati su YoutTube, fatti di scherzi, giochi e baruffe, e sono amatissimi dai più piccoli: il loro pubblico è composto soprattutto da bambini tra i cinque e gli undici anni. Dal web sono passati poi in tv, su Disney Channel, e al cinema: il loro primo film ‘La vendetta del Signor S’ è uscito nelle sale il 24 febbraio scorso. Inoltre sono diventati famosi anche come cantanti: il loro album ‘Il fantadisco dei Me contro Te’ ha superato nelle vendite e negli ascolti in streaming i vincitori del festival di Sanremo e da due settimane è in testa alla classifica musicale stilata dalla Fimi. In febbraio i loro video hanno totalizzato più di 53 milioni di visualizzazioni e oltre due milioni di interazioni. I Me contro Te hanno realizzato ben sette dei dieci video più popolari in febbraio (vedi la seconda tabella).

Al secondo posto, con 23 milioni di video views e quasi 4 milioni di interazioni, c’è Casa Surace, una video factory nata nel 2015 a Sala Consilina, in provincia di Salerno, per iniziativa di sei amici, tutti sui 30 anni, che condividevano la casa della prozia di uno di loro, oggi diventata il set delle loro produzioni. I video raccontano in modo ironico e divertente la vita dei giovani al sud, gli usi e costumi, le ricette, mischiando messaggi sociali e trovate goliardiche. Il gruppo è molto impegnato nella brand communication. Il loro ultimo format pubblicitario è ‘Condominio SurAce, realizzato con Dlvbbdo per la la nuova linea di detergenti Ace. Casa Surace sta anche per debuttare nella conduzione di un programma televisivo di cucina su Nove. È di Casa Surace il video più visto in febbraio: quasi 13 milioni di visualizzazioni su Facebook.

Al terzo posto, con 20 milioni di visualizzazioni, un altro gruppo di giovani del Sud, The Jackal, diventato famoso con le sue video parodie cinematografiche. Il progetto è nato nel 2005 a Napoli ed ha riscosso subito un notevole successo, ma la vera fama è arrivata con ‘Gli effetti di Gomorra sulla Gente’, parodia della nota serie televisiva di Roberto Saviano, con la web serie ‘Lost in Google’ e con il film fantademenziale ‘Addio fottuti musi verdi’, coprodotto insieme a Cattleya e Rai Cinema. The Jackal, che dal 2011 fa parte del gruppo Ciaopeople (l’editore di Fanpage) ha il record delle interazioni: quasi 5 milioni in febbraio.

È stato fondato invece da due milanesi, Alessio Stigliano e Alessandro Tenace, il due comico dei theShow, quarto in classifica con 13 milioni di video views. Partiti nel 2013, hanno raggiunto una grande popolarità sul web, in particolare su YouTube, con i loro scherzi ed esperimenti sociali, per approdare poi anche in televisione con le candid camera su Rai2, Italia 1, Rete 4 e Mtv. Tre mesi fa hanno annunciato su Instagram di non essere più solo una coppia di amici, ma un’impresa, theShow Srl.

Quinto è Lorenzo Ostuni, in arte Favij, che ha totalizzato quasi 9 milioni di visualizzazioni nel mese e un milione e mezzo di interazioni. È un giovane torinese diplomato in informatica, che ha aperto il suo canale su YouTube, FavijTV, dedicato ai videogiochi, nel 2012, quando aveva solo 17 anni; due anni dopo aveva già un milione di iscritti; oggi ha “più iscritti che capelli”, come dice lui stesso: 5,6 milioni. Ostuni è stato uno dei primi in italia a diventare youtuber di professione, cioè a trasformarsi in un video creator: un professionista che “crea contenuti per piattaforme diverse, quindi non solo per YouTube, rispetta degli standard e rispetto allo youtuber ha scopi e utenza più definiti, e automaticamente più esigenti, avendo con entrambi un rapporto più eminentemente professionale”, come ha detto in un’intervista a Il Foglio.

Segue al sesto posto un altro youtuber specializzato nei videogiochi, MikeShowSha, all’anagrafe Federico Betti, nato a Roma nel 1990. Dal 2015 collabora con la Illuminati Crew, un gruppo di vlogger molto noti che girano l’Italia partecipando a fiere ed eventi, insieme ai quali ha scritto il libro ‘Come diventare ricchi con YouTube’. Settimi sono iPantellas, ovvero Jacopo Malnati e Daniel Marangiolo, un duo diventato famoso su YouTube con le sue parodie e i suoi sketch divertenti. La loro serie di maggior successo è ‘Mia madre è Satana’, approdata anche in tv, su Italia 2.

Ottavo è il trio comico pavese degli Autogol (Michele Negroni, Alessandro Iraci e Alessandro Trolli), specializzato nelle imitazioni e parodie di personaggi dello sport. Anche loro sono apparsi diverse volte in tv e sulle radio e hanno pubblicato libri (‘Storia Buffa dello Sport’, edito da Mondadori) e dischi.
Nono è Il Veneto Imbruttito – la versione vicentina del Milanese Imbruttito – che produce video a metà strada tra il goliardico e il sociologico sulla way of life veneta. La loro società, Venetoland Media srl, si occupa di web marketing, pubblicità online, produzione video, gestione social media e creazione di eventi. Al decimo posto, infine, una giovane impiegata pubblica valdostana, Chiara Facchetti, in arte Kia scricc, i cui video spaziano dai consigli di shopping agli esercizi per mantenersi in forma.

Legenda:

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Anche la raccolta pubblicitaria online crolla in aprile, -31,5%; primo quadrimestre -12,5%. Fcp-Assointernet: da maggio graduale ripresa

Anche la raccolta pubblicitaria online crolla in aprile, -31,5%; primo quadrimestre -12,5%. Fcp-Assointernet: da maggio graduale ripresa

Fcp-AssoGoTv: con ripresa cresce attenzione per GoTv. Sajeva: turismo, distribuzione alimentare, finanza e cosmetica i primi investitori

Fcp-AssoGoTv: con ripresa cresce attenzione per GoTv. Sajeva: turismo, distribuzione alimentare, finanza e cosmetica i primi investitori

Internet, a marzo -20,4% per la pubblicità. Fcp-Assointernet: +4,6% per la fruizione da smartphone

Internet, a marzo -20,4% per la pubblicità. Fcp-Assointernet: +4,6% per la fruizione da smartphone