La Cnn cambia il suo racconto sul Coronavirus: non è più un’epidemia, ma una vera pandemia

La Cnn ha deciso di cambiare il suo registro linguistico per raccontare il moltiplicarsi di casi in giro per il mondo dovuti al Coronavirus. Non parlerà più di epidemia, ma di pandemia. Una scelta piuttosto forte, presa tra l’altro mentre né l’Oms, né le autorità sanitarie americane hanno ufficialmente cominciato ad usare quel termine per riferirsi all’emergenza da Covid-19.

Un ricercatore dell’Ospedale Sacco (foto ANDREA FASANI/ANSA)

I criteri specifici per definire una pandemia non sono universalmente definiti, ha scritto Sanjay Gupta chief medial correspondent dell’emittente americana nel post che spiega il perchè della decisione. Ma tre elementi sono considerati generali: la presenza di un virus che può causare malattia o morte; la prolungata trasmissione da persona a persona; e diffusione in tutto il mondo.
“Questo virus si è diffuso in tutti i continenti, ad eccezione dell’Antartide. In diversi paesi, il numero di casi continua a salire, continua, snocciolando i numeri registrati finora, che parlano di oltre 100mila casi, e più di 3mila morti”, ha riassunto.

“L’umanità ha già superato le pandemie”, ha affermato in conclusione, non nascondendo comunque le difficoltà che si incontreranno e che in alcuni casi già si incontrano nella quotidianità ormai stravolta. “Questa è una crisi che possiamo superare se possiamo lavorare insieme”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%