Da oggi Ilmanifesto.it è accessibile gratuitamente. Stop al paywall per emergenza coronavirus e campagna #iorompo

Da oggi e per i prossimi giorni ilmanifesto.it, sito del quotidiano comunista diretto da Norma Rangeri, sarà gratuito e accessibile a tutti.

Abbiamo deciso di abbassare il paywall del sito per due buoni motivi, si legge sul sito: “Il primo è che mai come in questi giorni di emergenza nazionale è importante essere (bene) informati, attenti e consapevoli di quello che accade, vicino o lontano che sia. La seconda, altrettanto valida, è che alla fine dell’anno scorso, con la campagna #iorompo, migliaia di abbonati e sostenitori hanno pagato per leggere il manifesto e per farlo leggere agli altri, liberando 50 giorni di sito gratis per tutti.
Aprendo il nostro sito pensiamo perciò di corrispondere ai desideri dei nostri lettori più fedeli e di quelli occasionali, che hanno ancora più bisogno di un punto di vista come il nostro, libero e fuori dal coro.
L’anno prossimo compiremo 50 anni e presto lanceremo una campagna abbonamenti e di iniziative per il nostro specialissimo compleanno. Non sappiamo ancora dirvi per quanto tempo riusciremo a mettere a disposizione gratuitamente i nostri contenuti, è un esperimento unico di informazione libera, di qualità, autofinanziata dai lettori e senza pubblicità. Ma vale la pena tentare. Noi ce la mettiamo tutta. Voi, se vi piace, continuate a comprarci e ad abbonarvi. In edicola e online”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco cosa cercano online gli italiani in quarantena: streaming, musei virtuali e allenamenti a casa

Ecco cosa cercano online gli italiani in quarantena: streaming, musei virtuali e allenamenti a casa

Sport, le stelle Nba tornano a sfidarsi in un videogame

Sport, le stelle Nba tornano a sfidarsi in un videogame

Vivendi finalizza la vendita del 10% di Umg a un consorzio Tencent. 100% dell’azienda valutato 30 miliardi

Vivendi finalizza la vendita del 10% di Umg a un consorzio Tencent. 100% dell’azienda valutato 30 miliardi