Prima Comunicazione chiude gli uffici ma Primaonline.it lavora a pieno regime. Mandateci testimonianze e idee su questa emergenza

Cari lettori, cari amici,
l’emergenza sanitaria di questi giorni ci suggerisce come misura di cautela la chiusura temporanea degli uffici di Prima. È una decisione necessaria, ma che non comporta l’interruzione del lavoro della redazione il numero di Prima di aprile e’ in preparazione), della segreteria, ufficio marketing e pubblicità, e amministrazione. Che viene svolto da casa.Il sito Primaonline.it funziona a pieno ritmo, con una particolare attenzione alle informazioni di servizio e alle storie di come si sta vivendo questa esperienza di vita e di lavoro nei media e nel mondo della comunicazione. Per cui sono bene accolte testimonianze e anche idee su come non far correre rischi a giornalisti, operatori, tecnici, tipografi, insomma alle persone il cui contributo professionale, mai come in questo momento, è fondamentale per i cittadini italiani che devono essere informati sull’andamento dell’ epidemia e per non sentirsi soli in questa emergenza.
Redazioneprimaonline@gmail.com.

La segreteria può essere contattata sia telefonicamente +39 351 886 0512 sia per e-mail: prima@primaonline.it.

In attesa che la situazione torni presto alla normalità vi facciamo tanti auguri e vi raccomandiamo di prendervi cura di voi.

La redazione di Prima Comunicazione.

Alessandra Ravetta
condirettore Prima comunicazione

via V.Monti 15
20123 – Milano

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti