Urbano Cairo interlocutore della politica. “C’è bisogno di qualcuno con idee chiare e che le persegua in maniera forte e costante”

“Non fare quello che va fatto in maniera decisa vuol dire proseguire in una continua agonia”. Ancora ieri sera a ‘Otto e Mezzo’ di Lilli Gruber Urbano Cairo ha auspicato da parte del governo scelte coraggiose e rapide – “Le ho chiamate ‘cinesi’, ma vorrei fossero italiane” – per battere il Coronavirus.

Un intervento non usuale, con il quale Cairo si è posto nel ruolo di interlocutore della politica, come imprenditore, editore e uomo di sport affrontando i vari problemi che la crisi sanitaria sta sollevando nel Paese.

Alla domanda, un po’ scontata, sulla possibilità che possano essere sospese le pubblicazioni del Corriere della Sera o le trasmissioni di LA7, Cairo ha risposto: “Credo che sarebbe molto negativo per il Paese, anche durante la guerra le edicole erano aperte”. “Credo che l’informazione vada garantita al 100%”, ha proseguito. “Noi stiamo mettendo in smartworking un numero crescente di persone in Rcs, a La7 e in tutte le mie aziende, perché evidentemente vogliamo che tutti lavorino in sicurezza. Però dobbiamo assicurare costantemente l’informazione. La trasparenza dell’informazione e la garanzia di poter fornire a tutti le notizie è importante anche per indurre le persone a comprendere la gravità del problema”.

A proposito della possibile nomina un super commissario che gestisca la crisi, Cairo ha detto: “In questo momento c’è bisogno di qualcuno con idee chiare e  che le persegua in maniera forte e costante. Ci vorrebbero anche dei tecnici e immagino che il premier Conte abbia bisogno di persone che lo consiglino nel modo migliore. Però poi ci deve essere qualcuno che si prenda la responsabilità di decidere  cose anche pesanti, le lacrime famose di Churcill della  Seconda Guerra Mondiale che si trasformarono successivamente in sorrisi degli inglesi quando il dramma venne superato. Serve che si assumano decisioni rapide, questo è decisivo, e tenere la barra dritta”.

Riguardo all’opposizione  l’editore ha detto che “deve essere più presente e collaborativa”. “Il governo non può sbagliare”, ha aggiunto. “ora non è più un problema di partito, ma di di salvare tutti insieme l’Italia”.

Infine, parlando dei provvedimenti per l’economia, Cairo ha detto: E’ prioritario immettere liquidità nel sistema e dare risorse finanziarie è la misura essenziale. Poi, nel momento successivo, il governo potrà far molto per la domanda e la spesa pubblica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Facebook, critiche di manager e dipendenti a Zuckerberg: non fa nulla contro Trump. Lui si difende: decisione dura

Facebook, critiche di manager e dipendenti a Zuckerberg: non fa nulla contro Trump. Lui si difende: decisione dura

Lavazza lancia un docufilm dal contenuto sociale. Giorda: una storia di rinascita e speranza; commerce adv sempre più importante

Lavazza lancia un docufilm dal contenuto sociale. Giorda: una storia di rinascita e speranza; commerce adv sempre più importante

Premier League verso la ripresa. Sulla Bbc per la prima volta 4 match live in chiaro

Premier League verso la ripresa. Sulla Bbc per la prima volta 4 match live in chiaro