‘Andrà tutto bene’, contro il Coronavirus sbocciano arcobaleni

Arcobaleni disegnati alle finestre, la scritta a caratteri infantili ‘Andrà tutto bene’. Nelle città semideserte, i messaggi dei bambini colorano le facciate delle case.

L’iniziativa nasce da Nostrofiglio.it. Sul sito, una rubrica affronta le paure del Coronavirus dal punto di vista dei genitori. Lo fa dando la parola a nove pediatri – fra i quali Giorgio Tamburlini, consulente Oms e Unicef, e Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria – che aprono il loro documento con le parole, appunto ‘Andrà tutto bene’.

Un messaggio di speranza, per affrontare l’emergenza senza panico, ma con l’aiuto di alcuni utili consigli. E con il sorriso. Quel sorriso con cui i bambini sono stati invogliati a disegnare – armati di pennarelli e matite colorate – i loro arcobaleni.

Poi, i genitori hanno spedito i loro lavori a Nostrofiglio.it. Il sito – che in questa iniziativa si è avvalso del contributo di GialloZafferano, Focus Junior e Donna moderna – ha così ricevuto, nel giro di sole 24 ore, sui propri social oltre 2 milioni di contatti, 40mila interazioni e oltre 5.000 disegni, arrivati da tutta Italia.

“Somewhere over the Rainbow” fiorisce una piccola grande speranza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Moles: comunicazione orientata mette a rischio futuro democrazie; su Copyright presto incontro con Mic e AgCom

Moles: comunicazione orientata mette a rischio futuro democrazie; su Copyright presto incontro con Mic e AgCom

Superlega. Anche JpMorgan fa dietrofront: “valutato male il progetto; da questo impareremo”

Superlega. Anche JpMorgan fa dietrofront: “valutato male il progetto; da questo impareremo”

Per metà italiani la comunicazione su Covid è stata confusa. Infodemia e bufale generano ansia e allarme sociale. Ecco come combattere le fake news

Per metà italiani la comunicazione su Covid è stata confusa. Infodemia e bufale generano ansia e allarme sociale. Ecco come combattere le fake news