Coronavirus, Boccia (Confindustria): bene Ue, ma adesso un grande piano per il rilancio economico dell’Europa

Bene le misure annunciate dall’Ue per fronteggiare l’emergenza Coronavirus​ e il riconoscimento da parte della Commissione della specificità italiana, ma le misure di oggi, primo passo importante, non sono ancora sufficienti. Lo afferma il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, secondo cui è necessario che l’Ue si muova sin d’ora con visione per disegnare un grande piano per il rilancio economico dell’Europa.

Vincenzo Boccia (foto Olycom)

“Da europeisti convinti, nei giorni scorsi abbiamo assistito preoccupati alla mancanza di solidarietà europea verso il nostro Paese e ci riconosciamo nelle parole espresse ieri dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella”, sottolinea Boccia nel commentare i contenuti della conferenza stampa della presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen. “Oggi, invece – prosegue Boccia – non possiamo che apprezzare l’Unione europea per le misure annunciate dalla presidente e dai commissari esecutivi Dombrovskis e Vestager nel tentativo di fornire una prima risposta a un’emergenza che, da nazionale, si è ben presto trasformata in europea e globale, a dimostrazione che non esistono confini”.
“La direzione – prosegue il leader degli imprenditori – è quella giusta: iniziative per fronteggiare innanzitutto l’emergenza sanitaria e per mitigare i già devastanti effetti, sul piano economico e sociale, prodotti dalla scelta di lockdown che, con gradazioni diverse, tutti gli Stati membri stanno via via assumendo. In particolare – continua Boccia – è di fondamentale importanza per i governi e per le imprese europee di ogni dimensione l’impegno della Commissione a ricorrere fino in fondo a tutta la flessibilità consentita dalle regole del Patto di Stabilità e crescita e agli strumenti consentiti dal regime degli aiuti di Stato. Ed è ancora più importante che la Commissione abbia riconosciuto la specificità italiana in questa emergenza globale, evocando misure ad hoc per il nostro sistema produttivo”.

Boccia si dice poi soddisfatto per l’istituzione di una “’Corona response investment initiative’ che rappresenta un primo passo per il rafforzamento degli investimenti europei rivolti all’emergenza e per l’idea di estendere l’ambito di applicazione del Fondo di solidarietà Ue”. “Con questo pacchetto – prosegue Boccia – l’Ue comincia ad andare nella direzione di un “whatever it takes” della politica economica europea, da noi evocato qualche giorno fa quando abbiamo parlato dell’urgenza di massivi investimenti pubblici in infrastrutture; interventi sulla leva fiscale; credito e sostegno alla domanda; ammissibilità di aiuti straordinari e sospensione dei termini notifica; sospensione termini regolamentazione bancaria UE; riprogrammazione dei fondi strutturali”.
“Le misure di oggi – commenta ancora il numero uno di Confindustria – sono un primo passo importante per affrontare le criticità del breve periodo ma non sono certo sufficienti alla luce delle ripercussioni sistemiche che questa crisi sta già generando in tutto il Continente. Per questo è necessario che l’Ue si muova sin d’ora con visione per disegnare un grande piano per il rilancio economico dell’Europa, finalizzato a potenziare le infrastrutture nazionali e transnazionali e a sostenere in maniera eccezionale i consumi”.
“È venuto il momento per l’Europa – conclude Boccia – di varare una grande stagione riformista che abbia il coraggio di adottare strumenti nuovi come gli eurobond per un’azione shock che non può valere meno di 3.000 miliardi di euro da immettere immediatamente nell’economia reale e da rimborsa a lungo o lunghissimo periodo. Dobbiamo prepararci fin d’ora, mentre gestiamo la fase dell’emergenza, a una grande reazione che ci porti al recupero dei fondamentali d’Europa. E, a questo proposito, è auspicabile – conclude – che l’Unione europea intervenga con decisione per evitare decisioni unilaterali di Paesi che chiudendo le frontiere tradiscono lo spirito comunitario”. (AGI)
ING

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Riffeser (Fieg) alla Camera chiede più risorse (-403 milioni nel 1° semestre) e indica sei punti per evitare la desertificazione

Editoria, Riffeser (Fieg) alla Camera chiede più risorse (-403 milioni nel 1° semestre) e indica sei punti per evitare la desertificazione

Facebook, critiche di manager e dipendenti a Zuckerberg: non fa nulla contro Trump. Lui si difende: decisione dura

Facebook, critiche di manager e dipendenti a Zuckerberg: non fa nulla contro Trump. Lui si difende: decisione dura

Lavazza lancia un docufilm dal contenuto sociale. Giorda: una storia di rinascita e speranza; commerce adv sempre più importante

Lavazza lancia un docufilm dal contenuto sociale. Giorda: una storia di rinascita e speranza; commerce adv sempre più importante