Coronavirus, Martella: informazione garantisce coesione sociale, ma filiera in affanno e crollo pubblicità; allo studio aumento tax credit

“In tempi di emergenza sanitaria la corretta informazione è parte integrante della lotta stessa al virus”: lo afferma il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’informazione, Claudio Martella, in un’intervista alla Stampa. “E’ indispensabile che al cittadino arrivino informazioni corrette”, ha aggiunto, “e devo dare atto che vedo interviste serie a medici, esperti, scienziati. E’ esattamente quel che serve. Informare in maniera approfondita, dando voce a persone qualificate”.

Andrea Martella

Per Martella “un’informazione corretta garantisce la coesione del tessuto sociale e la democrazia”. “Ma so che la filiera è in affanno e ora è pure crollata la pubblicità, un po’ per il clima generale, un po’ per la sospensione di tanti eventi”, ha sottolineato.

Il sottosegretario ha ringraziato gli edicolanti per “lo spirito di servizio” e li ha invitati alla prudenza: “So che le edicole sono il punto finale di una filiera in difficoltà che va dagli editori, ai centri stampa, ai giornalisti. Per gli edicolanti alcune misure le abbiamo già prese: il credito d’imposta sia per quanto riguarda le tasse locali, sia per il canone di affitto. Ma vogliamo fare di più. Stiamo verificando la possibilità di aumentare il ‘tax credit’ estendendolo ad altre spese e di sostenere anche le imprese di distribuzione che portano i giornali nei piccoli comuni”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%