Coronavirus, Trump dichiara emergenza nazionale. Stanziate risorse per 50 miliardi di dollari

Il presidente americano Donald Trump ha dichiarato un’emergenza nazionale di fronte all’emergenza coronavirus. Un passo, ha detto, che permetterà di mobilitare risorse per 50 miliardi. I 50 stati dovranno aprire centri per affrontare la crisi e approntare piani per l’emergenza.

Trump ha inoltre detto di aspettarsi che “già la settimana prossima saranno disponibili mezzo milione in più di test” per il corononavirus. “Ciò porterà probabilmente a 1,4 milioni di test la settimana prossima e cinque milioni in un mese”, ha aggiunto. Il presidente ha spiegato che la proclamazione dell’emergenza nazionale permetterà al segretario alla Salute di sospendere una serie di leggi e regolamenti, in modo da concedere più flessibilità agli operatori sanitari nella lotta contro la diffusione del coronavirus.

Il presidente Usa, che non ha escluso di poter estendere in futuro anche alla Gran Bretagna il bando ai voli deciso verso gli altri paesi europei, ha presentato in conferenza stampa un sito dedicato all’emergenza coronavirus. Il sito, ha spiegato la coordinatrice per l’emergenza coronavirus Deborah Birx, guiderà il pubblico attraverso una serie di domande, indirizzando verso l’assistenza medica di cui ciascuno ha bisogno.

Trump ha poi ordinato al segretario all’Energia di acquistare petrolio per le riserve strategiche, in risposta all’emergenza coronavirus. “Sulla base del prezzo del petrolio, ho dato istruzioni al segretario dell’energia di comprare, ad un vero buon prezzo, grandi quantità di greggio per stoccarli nelle riserve strategiche americane”, ha affermato poi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali