Scienza contagiosa, proseguono le lezioni online

Lezioni di scienza virtuale. La serie di appuntamenti organizzati da Frascati Scienza, associazione di cittadini e ricercatori, propone nuovi gli appuntamenti in diretta su Facebook e YouTube.

A tenere le lezioni, docenti universitari, ricercatori, epidemiologi. Chiamati dall’associazione Frascati Scienza – che vanta il patrocinio fra gli altri di Asi, Esa, Cnr, Enea, Inaf e il cui fine è ‘favorire la comunicazione della scienza e l’educazione alla ricerca scientifica attraverso iniziative, eventi, manifestazioni… – ad approfondire alcuni temi particolarmente sensibili in questo periodo.

Dopo l’incontro di lunedì 16 dedicato a ‘Industria 4.0 e cybersecurity: Matrix è adesso’ e alla digitalizzazione diffusa, martedì 17, alle 11, l’argomento su cui interverrà la professoressa virtuale Caterina Rizzo (foto), epidemiologa del Bambin Gesù, è: ‘Pandemia digitale’. Durante la lezione, si affronterà il modo in cui le piattaforme dei social hanno cambiato la comunicazione, e in particolare quanto sta succedendo con la diffusione del coronavirus. Venerdì, infine il docente di Roma Tre Roberto Ferretti approfondirà le ragioni filosofiche , politiche, ideologiche che rendono necessario lo studio della scienza.

Le lezioni virtuali non sono monodirezionali: chi è collegato potrà intervenire e interloquire con gli speaker inviando domande alla sezione Commenti di Fb e YouTube, e nel pomeriggio arriveranno le risposte su Instagram.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali