15 marzo Bella da morire stravince. D’Urso, Fazio, Giletti e tg sopra media

Covid-19 influenza sempre di più la griglia tv, tra trasmissioni sospese, giornalisti e politici affetti dal virus messi in quarantena, approfondimenti, edizioni speciali. Ieri in serata, domenica 15 marzo, sono andati in onda una nuova fiction Rai sul femminicidio, tre film, e poi le trasmissioni di Barbara D’Urso, Fabio Fazio e Massimo Giletti quasi monotematiche sul corona virus.

In prime time ha vinto la prima puntata di ‘Bella da morire’, con Cristiana Capotondi e Lucrezia Lante Della Rovere protagoniste, che ha portato Rai1 a quota 5,583 milioni di spettatori e 20,4%.

Su Canale 5 a ‘Live Non è la D’Urso’, Barbara D’Urso ha intervistato, tra gli altri, Luigi Di Maio, Nicola Porro, Massimo Puoti, Walter Ricciardi, Francesco Boccia, Giuseppe Remuzzi, Melania Rizzoli, Michele Emiliano.

Avendo inoltre tra gli ospiti anche Alessandro Sallusti, Candida Morvillo, Mario Giordano, Carmelo Abbate, Emanuela Folliero, Paolo Brosio, Gianluigi Nuzzi, Vladimir Luxuria, Iva Zanicchi, Alda D’Eusanio, Giampiero Mughini e Marco Oliva, il programma ha avuto 3,057 milioni e 14,4% dalle 21.28 alle 25.12.

Su Rai2 dopo avere aperto con Diodato, che ha cantato La Cura, il talk di Fabio Fazio è rimasto focalizzato sul corona virus, ospitando Roberto Burioni, Massimo Galli, Alberto Zangrillo, Giorgio Gori, Angelo Borrelli, Damiano Tommasi, Antonio Di Bella, Roberto Gualtieri.

Che tempo che fa ha alleggerito con Nino Frassica e Renzo Arboree poi dopo un supplemento finale con Burioni ha avuto una fase ‘tavolo’ virtuale. Così confezionato il programma ha conquistato 2,9 milioni di spettatori e il 9,9% dalle 21.07 alle 23.00 e 2,291 milioni e 9,9% fino alle 23.43, in netta crescita rispetto a sette giorni prima. In questo contesto si può ritenere molto buona la difesa di Italia 1 che ha puntato su un film fresco: ‘Rampage’ ha raccolto ben 2,3 milioni di spettatori e 8,24%

In crescita robusta è stato anche il risultato di Massimo Giletti. ‘Non è l’Arena’ ha puntato tra gli altri su Fabrizio Pregliasco, Angelo Marzano, Raffaele Morelli, Giorgia Meloni, Matteo Renzi, Massimo Galli, Massimo Martelli, Augusto Minzolini, Annalisa Chirico, Cristina Parodi (il marito e sindaco, Giorgio Gori, raccontava di Bergamo da Fazio), Nunzia De Girolamo (il marito, Francesco Boccia, era da Barbara D’Urso), ma anche il dietista scomunicato Adriano Panzironi. Così organizzato il talk ha avuto 1,944 milioni di spettatori e 6,37% dalle 20.37 alle 21.55, e poi 1,5 milioni e 7,2% fino alle 24.54. Molto più staccati, sono arrivati gli altri due film in griglia: su Rai3 ‘Parigi a tutti i costi’ a 837mila e 2,9%; su Rete4 ‘Larry Crown- Un amore all’improvviso’ a 745mila e 2,7%. Risultanti ampiamente sopra media hanno fatto tutti i telegiornali della sera principali. Alle 20.00 per il Tg1 8,115 milioni di spettatori ed il 26,8%; per il Tg5 6,658 milioni di spettatori ed il 21,87%. Alle 20.30 il Tg2 a 3,271 milioni e 10,69%. E nel preserale sulla terza rete, il Tg3 delle 19.00 a 3,956 milioni e 15%; per il Tgr 5,241 milioni e 18,2%.

Al pomeriggio, tra tante cancellazioni, alcune buone prestazioni: su Rai1 ‘Italia Sì’ al 19,57% con 4.094 milioni di spettatori; ‘Da Noi – A Ruota Libera’ a 2,777 milioni di spettatori (12,61%); sulla terza rete Lucia Annunziata con ‘Mezz’ora in Più’ a 2,342 milioni di spettatori e l’11,22% di share.

In seconda serata ha dominato la scena Barbara D’Urso davanti a Massimo Giletti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> Venerdì 3 e Sabato 4 luglio </strong> Conti vince facile, Bonolis stacca Incontrada e D’Alessio

Venerdì 3 e Sabato 4 luglio Conti vince facile, Bonolis stacca Incontrada e D’Alessio

Vito Nobile nominato direttore generale del quotidiano Il Tempo e del Gruppo Corriere

Vito Nobile nominato direttore generale del quotidiano Il Tempo e del Gruppo Corriere

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom