Coronavirus: il Salone del Libro di Torino rinviato a data da destinarsi

Si allunga l’elenco di fiere ed eventi rinviati a causa dell’emergenza Covid-19. E il Salone del Libro di Torino non ha fatto eccezione. La fiera, inizialmente in programma dal 14 al 18 maggio, è stata rimandata a data da destinarsi, in accordo con istituzioni, partner e Lingotto Fiere.

“Il Salone Internazionale del Libro di Torino anche quest’anno si farà”, scrivono gli organizzatori in una nota, spiegando però prima di tutto serve “garantire le condizioni di sicurezza e di salute del suo pubblico, dei suoi espositori e del personale che vi lavora”.

Salone Internazionale del libro di Torino (foto ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)

“In coordinamento con le istituzioni e a seguito di un incontro di questa mattina con la Regione Piemonte e il Comune di Torino che si sono impegnati a collaborare pienamente all’obiettivo comune di realizzare il Salone in piena sicurezza e con l’entusiasmo di sempre l’organizzazione continua a lavorare e a monitorare attentamente l’evolversi della situazione in attesa delle disposizioni che verranno varate dopo il 3 aprile 2020, a scadenza del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri attualmente in vigore”.

“Le nuove date, si legge in conclusione, verranno annunciate non appena sarà possibile una valutazione esaustiva degli scenari futuri”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%