Montalbano non fa il botto: 9,5 milioni di spettatori per ‘La rete di protezione’

Tre vicende intrecciate nel secondo episodio fresco della saga del poliziotto di Vigata, ‘La rete di protezione’. Una storia più leggera, una drammatica vicenda familiare, e poi nella trama anche una spruzzata di contemporaneità con web e bullismo. Sette giorni prima il primo appuntamento con ‘Il Commissario Montalbano’ e ‘Salvo amato, Livia mia’, ritardato dalla prima comunicazione al Paese del premier Giuseppe Conte sui provvedimenti per il coronavirus, aveva ottenuto 9,377 milioni di spettatori ed il 39% di share, finendo lontano dalle migliori prestazioni Auditel della fiction.

Luca Zingaretti, nei panni di Montalbano

Ieri ‘La rete di protezione’ – con Luca Zingaretti, Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Angelo Russo nel cast – ha fatto meglio per ascolti, ma senza strafare e facendo ovviamente meno share: 9,5 milioni di spettatori e il 33,2% di share. Il fenomeno di serata, per certi versi, è stato ‘Harry Potter e la pietra filosofale’, a 3,7 milioni su Italia 1.

La Top Eleven della saga di Vigata per i meter rimane quindi immutata. Eccola.
– ‘La giostra degli scambi’ 11,386 e 45,1%
– ‘Come voleva la parassi’ 11,268 milioni e 44,1%
– ‘L’altro capo del filo’ 11,108 milioni e 44,9%
– ‘Amore’ 10,816 milioni e 42,8%
– ‘Una faccenda delicata’ 10,862 milioni e 39,1%
– ‘Una lama di luce’ 10,715 e 38,13%
– ‘Un covo di vipere’ 10,674 e 40,8%
– ‘Un diario del 43’ 10,150 milioni e 43,3%
– ‘Una voce di Notte’ 10,223 e 36,43
– ‘La piramide di fango’ 10,333 e 40,95%
– ‘Un covo di vipere’ 10,674 e 40,8%

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Calcio, i giornalisti alla Figc: garantire l’accesso alla stampa

Calcio, i giornalisti alla Figc: garantire l’accesso alla stampa

Anche Snapchat blocca Trump: “Non amplificheremo le voci che incitano alla violenza razziale e all’ingiustizia”

Anche Snapchat blocca Trump: “Non amplificheremo le voci che incitano alla violenza razziale e all’ingiustizia”

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA