Fininvest esce da Molmed. Operazione coerente con focus su tv ed editoria

L’uscita di Fininvest da Molmed, l’azienda biotech milanese su cui la giapponese AGC ha lanciato un’Opa, è coerente con la strategia della holding della famiglia Berlusconi di concentrarsi sui core business della tv e dell’editoria. E’ quanto fanno notare fonti vicino a Fininvest.

Agc offre 0,518 euro cash per ogni azione Molmed, pari a un premio del 110,3% rispetto al prezzo ufficiale al 16 marzo.Fininvest, principale azionista di Molmed, ha deciso di aderire all’offerta portando in adesione tutte le 107.173.138 azioni in suo possesso.

Fininvest non commenta ufficialmente l’operazione ma da via Paleocapa viene sottolineato che l’ingresso di un partner globale come il gruppo AGC garantirà a Molmed di consolidare in modo rilevante il proprio track record di successo, in un settore in cui la capacità di investimento e la dimensione internazionale fanno sempre più la differenza. Si fa poi notare l’importanza di aver sostenuto in questi anni una realtà di eccellenza come Molmed, mettendola nelle condizioni di poter compiere questo importante passo.

Molmed, focalizzata sulla ricerca e produzione di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, è stata fondata nel 1996 come spin-off accademico dell’Istituto Scientifico San Raffaele e dal marzo 2008 è quotata sul mercato Mta di Borsa Italiana. Ha sede legale e operativa a Milano, presso il Dipartimento di Biotecnologie dell’Ospedale San Raffaele e una sede operativa a Bresso presso OpenZone. (Askanews)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali