Vogue Italia apre gratuitamente i suoi archivi ai lettori

Vogue Italia apre i suoi archivi digitali, mettendoli a disposizione gratuitamente per i prossimi tre mesi.
Inaugurato nel 2013 in occasione del cinquantenario della rivista Condé Nast, l’archivio digitale di moda raccoglie servizi, fotografie, articoli, campagne pubblicitarie e tanto altro.

Per usufruirne basta andare su http://archivio.vogue.it/, cliccare su Abbonati e selezionare la modalità di abbonamento Full Archive. Dopo aver registrato il proprio account, inserendo il codice promozionale VARCHIVE4YOU si potrà avere accesso completo all’archivio e Vogue Portfolio, fare ricerche illimitate e stampare immagini in alta risoluzione.

“L’archivio di Vogue Italia è il cuore del nostro giornale, la nostra storia e la bussola per il nostro futuro. Aprendolo gratuitamente ai lettori, Condé Nast regala loro il biglietto per un meraviglioso viaggio nello spazio e nel tempo”, il commenti di Emanuele Farneti, direttore di Vogue Italia, definendo la raccolta “una miniera di libertà e bellezza”.

L’apertura degli archivi di Vogue, ricorda l’editrice in una nota, si aggiunge alle altre iniziative messe in campo davanti all’emergenza Coronavirus, come i tre mesi di copie digitali gratuite di Vogue, GQ, Wired, AD, La Cucina Italiana e Traveller, e i video corsi digitali de La Scuola de La Cucina Italia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti