“Taking care together”. Arthur Sadoun, presidente del Gruppo Publicis, parla dell’emergenza Covid ai dipendenti

 

“La priorità per noi, da quando è iniziata la crisi in atto, sono subito stati la salute ed il benessere di ognuno di voi”. Inizia così un messaggio video di quattro minuti molto informale e diretto, lanciato in maglioncino scuro e camicia. Il ceo di Publicis Groupe, Arthur Sadoun – come già fatto altre volte in cui doveva dire qualche cosa d’importante alle persone che lavorano per il suo gruppo nel mondo, ai clienti, al mercato in generale – si è affidato ad un video per comunicare la preoccupazione per quello che sta avvenendo e gli indirizzi dell’azienda. Nel contenuto intitolato “Taking care together”, Sadoun suggerisce ai suoi dipendenti di lavorare da casa. Il manager transalpino, in pratica, ha anticipato di poche ore il messaggio alla Francia del presidente Emmanuel Macron, che ha deciso misure restrittive e di distanza sociale per fronteggiare la crisi innescata dai contagi del corona virus. Publicis quindi spinge per l’home working e l’uso dei sistemi di videoconferenza, ma facendo pure presente che alcuni uffici del gruppo rimarranno ancora aperti. I dipendenti che vogliono chiarimenti più precisi possono fare riferimento ad un apposito account email per risolvere ogni tipo di dubbio.

“In questa fase in cui le Borse crollano” e c’è da affrontare una situazione senza precedenti, inoltre, ha detto Sadoun, è necessario scoprire nuove maniere di lavorare e collaborare. “Dobbiamo più che mai, stare vicini ai nostri clienti e ai loro affari, anche se non possiamo stare al loro fianco fisicamente”. Secondo il manager “il nostro ruolo è quello di aiutarli a monitorare quanto accade, prendere le giuste decisioni strategiche, massimizzare i risultati dei loro investimenti tarati su obiettivi a breve termine, preparando bene il dopo crisi“. Nella fase finale del messaggio Sadoun ha rassicurato i dipendenti sulle basi solide di Publicis, enfatizzando l’agilità e la velocità che aiuteranno l’azienda a superare il difficile momento contingente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%