Coronavirus, in Lombardia parte la «sorveglianza digitale» anonima tramite celle telefoniche

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

Coronavirus, parte la sorveglianza digitale lombarda. La Regione Lombardia, d’intesa con le compagnie telefoniche che forniranno i dati sul numero di cellulari che agganciano il segnale di determinate celle, ha avviato la sorveglianza (anonima) tramite i ponti radio dei telefoni cellulari. La misura è stata presa perché, secondo le autorità, sono ancora troppe le persone che circolano sul territorio lombardo senza ragione: 4 su 10.

Internet super veloce solo per una famiglia su 4. L’ultimo report europeo indica una copertura a banda larga ultra veloce pari al 24% delle famiglie, contro una media Ue del 60%.

Italia, smart-working in crescita. Nel 2019 – secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano – gli smart worker erano circa 570 mila, in crescita del 20% rispetto al 2018. La formula era una realtà nel 58% delle grandi imprese e nel 12% delle Pmi (+4%).

Amazon, solo beni essenziali fino al 5 aprile. Il gigante del commercio online ha deciso di privilegiare le esigenze legate al Coronavirus, e quindi, pur continuando a vendere tutto, garantirà solo le forniture di dispositivi medici, prodotti per la casa, prodotti per la salute e la cura della persona, cibo, forniture per gli animali, libri. E intanto in Italia presso il centro distribuzione di Amazon a Passo Corese (Rieti) è cominciato lo sciopero a oltranza degli oltre 1500 addetti, che protestano contro il mancato rispetto delle disposizioni del governo in materia di contenimento del Covid-19, a cominciare dalle distanze tra le persone e l’uso delle mascherine protettive.

I colossi del web insieme contro le fake news. Facebook, Google, Linkedln, Microsoft, Reddit, Twitter e YouTube hanno annunciato ieri che lavoreranno assieme per eliminare la disinformazione e le truffe a proposito del coronavirus. Lo hanno fatto con un comunicato congiunto in cui si legge: «Stiamo lavorando assieme strettamente nella risposta al Covid-19, con l’obiettivo di combattere le truffe e la disinformazione a proposito del virus, valorizzare il contenuto autorevole sulle nostre piattaforme e condividere aggiornamenti importanti in coordinamento con le agenzie sanitarie dei governi di tutto il mondo».

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Anche Snapchat blocca Trump: “Non amplificheremo le voci che incitano alla violenza razziale e all’ingiustizia”

Anche Snapchat blocca Trump: “Non amplificheremo le voci che incitano alla violenza razziale e all’ingiustizia”

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA

Editoria, Riffeser (Fieg) alla Camera chiede più risorse (-403 milioni nel 1° semestre) e indica sei punti per evitare la desertificazione

Editoria, Riffeser (Fieg) alla Camera chiede più risorse (-403 milioni nel 1° semestre) e indica sei punti per evitare la desertificazione