Le serie tv più seguite e consigliate durante la quarantena secondo gli aggregatori di recensioni

Le Serie Tv aiutano a riempire le giornate durante la quarantena. Con le challenge su Facebook, in cui viene richiesto a chi partecipa di consigliare gli show da seguire, si riesce ad esempio a capire i gusti di determinate fasce di pubblico, di solito giovanissimi, che suggeriscono i prodotti più apprezzati. In nostro soccorso, per provare a stabilire quali sono le migliori, arrivano gli aggregatori di recensioni: siti specializzati che provano a fare una percentuale delle “review” offerte dagli utenti e non solo per stabilire quali sono le migliori. Ci sono alcuni giganti provenienti da oltreoceano che fanno la media dei voti e provano a stabilire da sempre quali sono le migliori. Rotten Tomatoes e Metacritic ad esempio sono due dei più apprezzati siti specializzati del web, così come IMDb, l’Internet Movie Database che raccoglie numerose informazioni sui prodotti audiovisivi comprese i voti di ogni singola serie.

Spulciando la classifica si scopre ad esempio che ai primi due posti per votazioni ci sono le due serie di documentari della BBC “Planet Earth”, il primo del 2006 e il secondo del 2016 che in Italia sono andati in onda su Discovery Channel. Si tratta di due dei più famosi e amati documentari della storia che raccontano la Terra da ogni angolazione. Il documentario del 2016 ha un voto di 9,5 secondo le stime del sito mentre Pianeta Terra di 9,4. Terzo posto per “Band of Brothers” la serie di guerra del 2001 prodotta da Spielberg e Tom Hanks, ritenuta una delle più belle di tutti i tempi, tanto da prendere il 94% delle recensioni positive secondo “Rotten Tomatoes” e 9.6 su 10 per il sito Metacritic. Per quest’ultimo inoltre la serie è “assolutamente da vedere”. Quarto posto a pari punti per “Breaking Bad”, la serie con Bryan Cranston nella parte di Walter White è ormai un cult. Si tratta di una delle più viste, amate e apprezzate di tutte e tre le classifiche. La serie è la più vista di sempre su Netflix e secondo diversi critici è anche la migliore di tutti i tempi. Diverse stagioni hanno il 100% delle recensioni positive su Rotten Tomatoes oltre ad essere tra le “più consigliate degli anni ’10” sia dagli utenti che dai redattori del sito. Stesso discorso per Metacritic. Metascore di 87 su 100 basato su 98 recensioni e un voto di 9.3 su 10 dato dagli utenti. Ci sono poi serie recenti come “Chernobyl”, quinto per rating IMDb con il punteggio di 9.4; voto di 82 su Metacritic e 96% di media per il “Tomatometro”, oltre ad un punteggio del pubblico di 98%.

Amatissimo “Mr Robot”. 4 stagioni che oscillano tra l’89 e il 98% con una media di apprezzamento del pubblico del 94% su Rotten Tomatoes e un punteggio di 80 su 100 per Metacritic con 9.0 su 10 secondo i gusti del pubblico. Altissimi i voti anche di alcune serie storiche. Ad esempio “Il Trono di Spade” ha preso 9.3 su IMDb, e una media superiore al 90% per ogni stagione su Rotten Tomatoes, tranne l’ultima che non è piaciuta – se così si può dire – agli esperti. “Game of Thrones 8” è stata bistrattata dal pubblico 31% sul sito e 61% per il tomatometro. La differenza si nota anche su Metacritic: 86 su 100 per il sito sul cosiddetto “Metascore” – sole recensioni ufficiali – e 7.2 di voto utenti. L’ottava stagione ha preso 75 di score e 4.1 del pubblico: una netta bocciatura dei fan. Al contrario dei “Soprano”. La serie sulla famiglia malavitosa con James Gandolfini nei panni di Tony Soprano ha medie altissime per ogni singola stagione su Rotten Tomatoes terminando con 92% al tomatometro e 98% di voto del pubblico. IMDb assegna 9.2 mentre su Metacritic la serie prende 94 su 100 con 8.9 del pubblico di media. “Rick and Morty” e “Bojack Horseman” sono due programmi di animazione per adulti. Il primo su IMDb guadagna 9.2, il secondo 8.6. Se per la critica le folli avventure spaziali dei due personaggi di Justin Roiland e Dan Harmon sono più apprezzate di quelle del cavallo, è Bojack a incontrare i favori del pubblico. Tomatometro al 95% per lo scienziato e il nipote e metascore pari a 86 su 100, il cavallo si “ferma” ad 82 su Metacritic e prende il 93% sul sito dei “pomodori marci” ma per quanto riguarda il pubblico è 95% per Bojack contro il 94% di “Rick e Morty” su Rotten e 9.1 su metacritic contro 8.7 della serie di Adult Swim.

Entrambi sono disponibili su Netflix che da febbraio ha stilato una Top 10 per ogni paese. La Piattaforma streaming permette ogni giorno di vedere quali sono le serie più viste nei singoli paesi. Oggi in Italia in testa c’è “Élite”, la cui terza stagione è uscita da poco. Secondo posto per “Riverdale”, terzo “Toy Boy”, quarto posto per “La casa di Carta”, quinto per “Better Call Saul”, sesto “I delitti di Valhalla”. Dal settimo al nono posto ci sono tre film: “Spenser confidential”, “Go-Kart” e “Lost Girls” e al decimo la serie Tv “Locke e Key”. Alcune di queste sono imperdibili anche secondo i due aggregatori. Rotten Tomatoes da alla quinta stagione di “Better Call Saul” il 99%, mentre per il pubblico è 98%. La media della serie è altissima con voto minimo di 97% per la prima stagione. Altissimo il voto anche su Metacritic dove lo spin-off di “Breaking Bad” prende 92 su 100 e 9.3 su 10 alla sua quinta stagione, un crescendo se paragonato al 78 su 100 e 8.6 su 10 di partenza della prima. “Better Call Saul” ha un voto di 8.7 su IMDb. IMDb è collegato anche al sito streaming Amazon Prime. Sulla piattaforma si può vedere il voto di ogni singola serie e accedendo alla sezione “Le serie Tv più popolari” abbiamo anche una panoramica degli show più amati. “Hunters” al primo posto anche se il voto (7,2) è più basso ad esempio di “The Boys”, serie del 2019 tra le più apprezzate dell’anno. La serie ha avuto un punteggio di 84% sul Tomatometro e del 94% per quanto riguarda il pubblico, mentre su Metacritic il punteggio è di 74 su 100 e di 8.5 su 10. A proposito di anti eroi e supereroi: “Watchmen”, serie tv HBO del 2019, ha avuto pareri discordanti. Tomatometro che si impenna al 95% ma per il pubblico si ferma al 54%. Stesso discorso su Metacritic. Recensioni che viaggiano sul punteggio di 85 su 100 e voto degli utenti che si ferma a 5.7.

Se invece volete avere un’idea delle più apprezzate in assoluto su Rotten Tomatoes ci sono diverse liste. Dalle 50 serie più apprezzate degli anni ’10 a quelle più amate dai redattori. “Fleabag” è presente in entrambe le classifiche. Si tratta di una commedia drammatica britannica tratta da un testo teatrale scritto da Phoebe Waller-Bridge – che interpreta anche la protagonista – e che è stata collocata al n. 61 su una lista del Telegraph degli “80 migliori spettacoli della BBC di tutti i tempi”. Fleabag conta due stagioni, entrambe disponibili su Amazon prime. Il voto è alto su IMDb, 8.7, su Metacritic 92 su 100 e su Rotten dove entrambe le stagioni hanno il 100% di recensioni positive e un apprezzamento complessivo da parte del pubblico pari a 93%. La differenza tra critica e pubblico si vede anche su Metacritic dove il voto degli utenti è di 7.9 su 10. Molto amate anche “Fargo”, serie tratta dal celeberrimo film dei fratelli Coen, che prende voti superiori al 90 su entrambi gli aggregatori e “The Americans” con voti poco inferiori al 100 sia su Metacritic che su Rotten Tomatoes. Mentre è in discesa “Black Mirror”. Su Rotten la prima stagione ha il 98% dei consensi e via via cala fino al 68% della quinta stagione. Allo stesso modo la serie antologica sulle distopie vede la sua media rovinata dalle ultime stagioni anche su Metacritic dove chiude con un 76 su 100. Per quanto riguarda le serie italiane più apprezzate le prime due stagioni di “Gomorra” sono le uniche recensite dal tomatometro e prendono una 95% e l’altra 80%. Metacritic invece dà alla serie una media di 76 su 100 e 7.5 di punteggio. “The Young Pope” differisce invece tra pubblico e critica. 68 su 100 su Metacritic e 7.5 per quanto riguarda il punteggio del pubblico, 79% su Rotten Tomatoes e 87% di media degli utenti. Diverso invece il consenso su “The New Pope” 88% tomatometro e 81% pubblico; 63 su 100 per Metacritic dove per il pubblico mantiene una media superiore al 7. Tutte serie amate e apprezzate, da recuperare durante la quarantena.  (Agi)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%