Rai: il Tar sospende la multa Agcom da 1,5 milioni per violazione del pluralismo tv

È sospesa l’esecuzione della delibera con la quale lo scorso mese l’Agcom ha inflitto una maxisanzione da 1,5 milioni di euro alla Rai per violazione del pluralismo tv. L’ha deciso con un provvedimento monocratico il Tar del Lazio; nel decreto si fissa l’udienza del prossimo 15 aprile per la valutazione collegiale in camera di consiglio del ricorso proposto.

Angelo Marcello Cardani, presidente Agcom (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Con la delibera contestata, l’Agcom ha accertato il mancato rispetto da parte della Rai dei principi del pluralismo tv, diffidando la stessa società a eliminare immediatamente, in vigenza del contratto di servizio 2018-2022, le violazioni e gli effetti delle infrazioni accertate. A tal fine, per l’Autorità, la Rai deve adottare: “strumenti finalizzati a contrastare la diffusione di informazioni non veritiere o incomplete, anche attraverso il coordinamento organizzativo, della responsabilità editoriale intesa ad assicurare lo sviluppo del senso critico, civile ed etico nella collettività nazionale; misure finalizzate a sensibilizzare i conduttori dei programmi e i propri dipendenti e collaboratori, anche attraverso specifiche azioni formative, ad attenersi scrupolosamente ai principi di imparzialità, indipendenza e pluralismo; misure finalizzate a sensibilizzare i conduttori dei programmi e i propri dipendenti e collaboratori, anche attraverso specifiche azioni formative, ad attenersi scrupolosamente al rispetto dell’integrità e della dignità della persona e al principio di non discriminazione; un sistema di rilevazione e monitoraggio della programmazione che consenta di misurare il rispetto dei principi di imparzialità, indipendenza e pluralismo”.

Fabrizio Salini (Foto ANSA / FABIO FRUSTACI)

In conclusione, è arrivata la maxisanzione da 1,5 milioni di euro, adesso contestata – in uno con l’intera delibera – davanti al Tar.

Nelle tre righe del provvedimento, il tribunale ha ritenuto che “sussistono i requisiti di estrema gravità ed urgenza anche in considerazione della natura e della entità degli adempimenti la cui esecuzione viene posta a carico della Rai Radiotelevisione Italiana Spa entro il termine di 30 giorni”, per arrivare a un accoglimento della richiesta di misura cautelare monocratica; per l’effetto, il giudice ha disposto “la sospensione dell’esecuzione della impugnata delibera in ogni sua parte” e fissato per la trattazione collegiale la camera di consiglio del 15 aprile 2020.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Michele Serra resta a Repubblica, “casa mia”: ogni editore è ingombrante. Ai lettori: giudicate il giornale da come sarà fatto

Michele Serra resta a Repubblica, “casa mia”: ogni editore è ingombrante. Ai lettori: giudicate il giornale da come sarà fatto

Assegnati i primi finanziamenti di Google per il giornalismo locale. In Italia ne hanno beneficiato 280 editrici tra cui l’Eco di Bergamo

Assegnati i primi finanziamenti di Google per il giornalismo locale. In Italia ne hanno beneficiato 280 editrici tra cui l’Eco di Bergamo

Caso Twitter-Trump, Zuckerberg: i social non sono arbitri della verità. Censurarli non è la reazione giusta

Caso Twitter-Trump, Zuckerberg: i social non sono arbitri della verità. Censurarli non è la reazione giusta