Cronache dalle edicole ai tempi del Coronavirus: Napoli

Proseguiamo con il racconto dell’informazione nei giorni del CoronaVirus. Dopo Milano, ecco il punto di vista di Ciro D’Addario, edicola di via Santa Brigida (in pieno centro, adiacente alla Galleria Umberto I), a Napoli.

Come vanno le vendite dei giornali?
Male, peggio di prima. Non potrebbe essere diversamente visto che a Napoli non circola quasi più nessuno.

Le pesa di stare aperto?
Questo no. Anzi, sono anche un po’ orgoglioso di quello che faccio.

Orgoglioso perchè?
Perché grazie al mio sacrificio e a quello di tanti edicolanti come me riusciamo dare un po’ di sollievo alle vecchiette abituate ad ammazzare il tempo con la Settimana Enigmistica, e alle mamme disperate che cercano giochini per consolare i bambini costretti a stare a casa.

Ciro D’Addario, edicola di via Santa Brigida, Napoli

Le altre testimonianze con il racconto l’informazione nei giorni del CoronaVirus:
– Milano
– Cagliari 
– Rovigo
–  Savona

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali