Coronavirus, la Casa Bianca e le big tech uniscono le forze per cercare un vaccino

Condividi

L’ufficio di Politiche di Scienza e Tecnologia della Casa Bianca ha annunciato la creazione del High Performance Computing Consortium per il Covid-19, una partnership che comprende Ibm, i laboratori nazionali del dipartimento dell’Energia, Google Cloud, Amazon Web, Microsoft e altri.

I ricercatori del mondo accademico, del Governo e del settore privato hanno dunque cominciato a presentare dei progetti relativi al coronavirus su un sito web; i rappresentanti del consorzio – che hanno esperienza in settori come quello del ‘calcolo ad alte prestazioni’, della biologia e dell’epidemiologia –  li approveranno in base al merito e alla rapidità stimata degli effetti.

(cco Photo by L N on Unsplash)

L’obiettivo è quello di garantire l’accesso a potenti risorse informatiche subito per lo sviluppo di tali progetti. “Abbiamo bisogno di una cura. Per essere in grado di affrontare il virus, dobbiamo accelerare la scienza”, ha spiegato Dario Gil, direttore di IBM Research.

L’annuncio arriva dopo che il sistema sanitaria e i funzionari del Governo hanno criticato aspramente la risposta di Washington alla crisi, a partire dalla distribuzione di test e di forniture mediche sicure per gli ospedali.