Alessandro Franzosi è il nuovo cfo di Mondadori. Operativo dal 4 giugno

Il 20 marzo, dopo aver presentato con l’ad Mauri il bilancio 2019 del gruppo Mondadori agli analisti finanziari, il cfo Oddone Pozzi ha rassegnato le dimissioni. Oggi il Gruppo Mondadori informa che a partire dal 4 giugno il ruolo di Chief Financial Officer verrà ricoperto da Alessandro Franzosi.

Franzosi è attualmente la carica di direttore Corporate Finance e Business Development di Fininvest.

Nel suo lungo percorso professionale ha maturato una profonda conoscenza operativa del settore editoriale e delle attività del Gruppo Mondadori.

Alessandro Franzosi (Foto LaPresse)

Nato a Milano nel 1964, laureato in Economia all’Università Bocconi, nel 1990 Alessandro Franzosi fa il suo ingresso nella holding Fininvest S.p.A., dove si occupa inizialmente di pianificazione strategica, per poi passare nel 1994 nel dipartimento di Corporate Development.

Dal 1995 è in Olivetti Telemedia, nell’area Business Development e, successivamente, passa alla divisione internet e multimedia con la carica di CFO. Nel 1997 entra nel dipartimento di M&A di Banca Imi, con una focalizzazione sui settori Media e Telecom.

Dal 1999 è in Morgan Stanley, di cui diventa nel 2005 Managing Director.

Dopo oltre 10 anni passa in Société Générale, dove nel 2010 assume la carica di responsabile delle attività M&A per l’Italia per poi tornare nel 2013 in Fininvest S.p.A. con la carica di direttore Corporate Finance e Business Development.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> Venerdì 3 e Sabato 4 luglio </strong> Conti vince facile, Bonolis stacca Incontrada e D’Alessio

Venerdì 3 e Sabato 4 luglio Conti vince facile, Bonolis stacca Incontrada e D’Alessio

Vito Nobile nominato direttore generale del quotidiano Il Tempo e del Gruppo Corriere

Vito Nobile nominato direttore generale del quotidiano Il Tempo e del Gruppo Corriere

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom