Netflix crea un fondo da 100 milioni di dollari per aiutare artisti e troupe

100 milioni di dollari per affrontare la crisi del coronavirus. E’ questo il fondo istituito da Netflix a sostegno delle persone che dovevano essere impiegate nelle sue produzioni e che adesso rischiano di perdere il lavoro.

“Stiamo studiando i nostri interventi, produzione per produzione”, ha dichiarato Ted Sarandos, Chief Content Officer di Netflix. “Il fondo si aggiunge a una retribuzione di due settimane già prevista per le troupe e il cast dei progetti che siamo stati costretti a sospendere la scorsa settimana”.

Ted Sarandos

Ted Sarandos, responsabile contenuti Netflix

La piattaforma prevede inoltre di supportare l’intero settore cinematografico e televisivo nel mondo, con 15 milioni di dollari destinati a terzi e a organizzazioni non profit che forniscono aiuti ai lavoratori disoccupati. “Doneremo 1 milione di dollari al Sag-Aftra (sindacato americano che rappresenta attori, artisti e persone legate al mondo dello spettacolo, ndr), al Fondo cinematografico e televisivo e al Fondo di assistenza di emergenza negli Stati Uniti. Altrettanto lo distribuiremo tra l’Afc e la Fondation des Artistes. In altre zone – Europa, America Latina, Asia dove abbiamo una grande presenza produttiva, stiamo collaborando con le organizzazioni industriali in loco per creare analoghi interventi”, ha aggiunto Sarandos .

Per poi concludere: “Quello che sta succedendo è senza precedenti. Ma Netflix ha la fortuna di poter aiutare le persone più colpite nel nostro settore in questo momento difficile”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Antitrust: infrastrutture tlc fondamentali per crescita economica. Rimuovere ostacoli a sviluppo banda ultra-larga

Antitrust: infrastrutture tlc fondamentali per crescita economica. Rimuovere ostacoli a sviluppo banda ultra-larga

Video on demand, durante il lockdown boom dei film che superano le serie tv. Gfk: flessione per sport, bene l’animazione

Video on demand, durante il lockdown boom dei film che superano le serie tv. Gfk: flessione per sport, bene l’animazione

LinkedIn aggiunge gli audio per evitare gaffe nella pronuncia dei nomi

LinkedIn aggiunge gli audio per evitare gaffe nella pronuncia dei nomi