23 marzo Hogwarts più familiare di Vigata. Palombelli supera Mentana non Gruber

Un po’ meno drammatica e cupa la serata tv del 23 marzo, con i casi ed i morti per coronavirus in leggera flessione per la seconda giornata consecutiva. I meter di Auditel segnalano ancora lo straordinario risultato delle news: alle 20.00 il ‘Tg1’ è arrivato a 7,6 milioni di spettatori ed il 25,1%, il ‘Tg5’ a 6,8 milioni e 22,1% di share, con il ‘TGLa7’ a 1,9 milioni di spettatori e il 6,2%. Ma ha avuto un seguito da record, soprattutto, il ‘TgR’ della 19.30: le news regionali, infatti, hanno complessivamente avuto oltre 5 milioni di spettatori ed il 18% di share sulla terza rete.

In access sono andati molto forte gli appuntamenti dell’informazione. Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Lilli Gruber alla conduzione ha avuto 2,549 milioni di spettatori e l’8%.

Più staccate sono arrivate Barbara Palombelli (su Rete 4 per ‘Stasera Italia’ 1,672 milioni spettatori e 5,3% di share e 1,834 milioni e 5,73%), e Manuela Moreno (per ‘Tg2 Post’ 1,479 milioni e 4,62% di share). Ma ecco come l’articolata proposta di prima serata è stata pesata dai meter. Ha fatto la magia, ancora una volta, ‘Harry Potter’ su Italia 1, capace di battere un prodotto di Rai1 di grandi ambizioni, ma che non si prestava ad un ascolto familiare esteso.

Su Italia 1 ‘Harry Potter e Il Prigioniero di Azkaban’, con Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson e Robbie Coltrane, ha riscosso 4,412 milioni di spettatori e 16,3% ed ha vinto a sorpresa la serata.

Su Rai1 la sofisticata fiction ‘C’era una volta Vigata- La concessione del telefono’, con Alessio Vassallo, Thomas Trabacchi, Federica De Cola, Corrado Fortuna, Dajana Roncione nel cast, si è fermata a ottenuto 4,117 milioni di spettatori e il 15% di share (gli altri capitoli di questa collezione di titoli di complemento a ‘Il Commissario Montalbano’ aveva raggiunto il 30% di share).

Su Canale 5 la commedia ‘La vita è una cosa meravigliosa’, con Gigi Proietti, Nancy Brilli, Vincenzo Salemme ed Enrico Brignano nel cast ha conseguito 2,616 milioni di spettatori e il 10% occupando il terzo gradino del podio.

In prima serata, tra i programmi d’informazione, Barbara Palombelli ha scelto una chiave più ‘movimentista’, seguendo la protesta del sindaco di Messina Cateno De Luca (che ieri voleva fermare un traghetto diretto in Sicilia) e dando molto spazio alle voci critiche, anche politiche. Mentre è stato ugualmente caldo, ma incentrato sulla visione dell’emergenza dal versante dei medici e degli infermieri lo speciale (più lungo) di Enrico Mentana. Su Rete 4 ‘Stasera Italia-Speciale Coronavirus’, con Barbara Palombelli alla conduzione e tra i tanti ospiti Nicola Porro, Maria Giovanna Maglie, Pierferdinando Casini, Ernesto Galli Della Loggia, Cateno De Luca, Nello Musumeci, Giorgia Meloni e Matteo Salvini, Antonio Tajani, Vittorio Sgarbi, Clemente Mastella, ha avuto 1,636 milioni di spettatori e il 5,61% tra le 21.29 e le 23.16.

Su La7 ‘Speciale TgLa7 – La trincea in corsia’ con Enrico Mentana e Corrado Formigli in studio e tra gli ospiti collegati Milena Gabanelli, Antonio Pesenti, Massimo Galli, e tanti documenti e protagonisti sul fronte ospedaliero, ha avuto 1,245 milioni di spettatori e 4,7% dalle 21.26 alle 24.12.

Molto bene ha fatto su Rai Tre ‘In Arte Mina’. Lo speciale di Pino Strabioli ha ottenuto ben 1,655 milioni di spettatori e il 5,6%.

In coda è arrivata la replica su Rai2: ‘Stasera tutto è possibile’ con Stefano De Martino conduttore ha avuto 1,161 milioni di spettatori e 4,5% di share.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco cosa cercano online gli italiani in quarantena: streaming, musei virtuali e allenamenti a casa

Ecco cosa cercano online gli italiani in quarantena: streaming, musei virtuali e allenamenti a casa

Sport, le stelle Nba tornano a sfidarsi in un videogame

Sport, le stelle Nba tornano a sfidarsi in un videogame

Vivendi finalizza la vendita del 10% di Umg a un consorzio Tencent. 100% dell’azienda valutato 30 miliardi

Vivendi finalizza la vendita del 10% di Umg a un consorzio Tencent. 100% dell’azienda valutato 30 miliardi