Tim: Elliot riduce la sua partecipazione al 6,9%

Scende la partecipazione di Elliot in Tim. Secondo gli aggiornamenti Consob, il fondo Usa che fa capo a Paul Singer ha ridotto la propria partecipazione nella telco del 2,7%, passando dal 9,72 al 6,97%. L’operazione è avvenuta lo scorso 18 marzo.

Paul Singer, Ceo di Elliott Management Corporation (Foto Ansa – EPA/REMY STEINEGGER/WEF/SWISS-IMAGE.CH MANDATORY CREDIT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES)

Anche dopo l’operazione di questi giorni Elliot resta il secondo azionista di Telecom, alle spalle di Vivendi, la media company francese che detiene circa il 24% del capitale, con cui il fondo nel 2018 aveva dato vita a un braccio di ferro che si era concluso con l’elezione per il cda della lista proposta dalla stessa Elliot.
Seguono a distanza la Cdp con circa il 5% di Tim e il Fondo pensioni del Canada con il 3,1%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Calcio e diritti tv. Lega di Serie A fa causa a Sky per i mancati pagamenti

Calcio e diritti tv. Lega di Serie A fa causa a Sky per i mancati pagamenti

Stampa, male gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre, -19,1%. Osservatorio Stampa Fcp: unica nota positiva i Classified, +5,3%

Stampa, male gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre, -19,1%. Osservatorio Stampa Fcp: unica nota positiva i Classified, +5,3%

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni