Google: 800 milioni di dollari a imprese e ong nel mondo per affrontare l’emergenza Covid-19

Google ha annunciato un contributo di oltre 800 milioni di dollari per supportare le piccole e medie imprese, le organizzazioni sanitarie e i governi durante l’emergenza.

I contributi, ha spiegato in un blogpost il ceo di Google, Sundar Pichai, sono divisi in 250 milioni di dollari  in crediti pubblicitari per aiutare l’Organizzazione Mondiale della Sanità e oltre 100 agenzie governative a livello globale “affinché forniscano informazioni rilevanti su come prevenire la diffusione” di Covid-19 e altre misure per aiutare le comunità locali.

Previsto anche un fondo di investimento da 200 milioni di dollari a supporto delle ong e delle istituzioni finanziarie di tutto il mondo per aiutare le piccole imprese nell’accesso al credito.

Sundar Pichai (Foto EPA/Toni Albir)

L’altra fetta del contributo sarà divisa fra 340 milioni di dollari in crediti per Google Ads, disponibili per tutte le Pmi con account attivi nell’ultimo anno, e 20 milioni di dollari in crediti Google Cloud destinati a istituzioni accademiche e ricercatori per utilizzare le risorse computazionali e l’infrastruttura di Big g “nello studio di potenziali terapie e vaccini, tenere traccia dei dati critici e identificare nuovi modi per contrastare il coronavirus”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%