29 marzo Capotondi domina. Covid-19: D’Urso prega per i defunti e stacca Fazio e Giletti

L’instante della prima serata in cui Barbara D’Urso e Matteo Salvini – durante ‘Live Non è la D’Urso’, dopo il passaggio del ministro Stefano Patuanelli – hanno recitato la preghiera dei defunti (picco da circa 4,2 milioni) è stato uno dei momenti comunque memorabili di un’altra domenica, quella del 29 marzo, sempre fortemente influenzata dal racconto dell’emergenza drammatica per il Covid-19.

Ieri in prime time sulle principali generaliste sono andati in onda la terza puntata della fiction Rai sul femminicidio, tre film, con Barbara D’Urso, Fabio Fazio e Massimo Giletti sempre concentrati sul corona virus.

In prime time ha vinto nettamente la terza puntata di ‘Bella da morire’, con Cristiana Capotondi e Lucrezia Lante Della Rovere protagoniste, che ha portato Rai1 a quota 5,547 milioni di spettatori e 19%.

Su Canale 5 a ‘Live Non è la D’Urso’, Barbara D’Urso ha avuto tra gli ospiti collegati, tra gli altri, Stefano Patuanelli, Gianluigi Nuzzi, Alda D’Eusanio, Matteo Salvini, Teresa Bellanova, Alberto Cirio, Alberto Zangrillo, Mario Giordano, Alessandra Mussolini, Klaus Davi, Giovanni Rezza, Enrica Bonaccorti, Fernanda Lessa, Michela Persico, Pietro Delle Piane, Alba Parietti, Vladimir Luxuria, Clizia Incorvaia, Ivana Trump, Rossano Rubicondi, Valeria Marini, Fabio Testi.

Così confezionato il programma ha avuto 2,987 milioni di spettatori ed il 13,4% (a 2,884 milioni di spettatori ed il 13,4% la settimana scorsa).

Su Rai2 il talk di Fabio Fazio è rimasto focalizzato sul corona virus, ospitando tra gli altri Roberto Burioni, Roberto Speranza, Romano Prodi, Luca Parmitano, Alex Zanardi, Federica Pellegrini, Giorgio Panariello, Giuliano Sangiorgi, Nino Frassica e Gigi Marzullo.

Così confezionato ‘Che tempo che fa’ ha conquistato 2,832 milioni di spettatori ed il 9,3%, con la parte finale a 2,2 milioni e 9,1%.

In questo contesto si può ritenere molto buona la prestazione di Massimo Giletti. ‘Non è l’Arena’ ha puntato tra gli altri su Fabrizio Pregliasco, Flavio Briatore, Augusto Minzolini, Pierpaolo Sileri, Cristiano Aresu (il farmacista dell’Avigan), Cateno De Luca, Giulio Sapelli, Luca Telese, Alessandra Moretti, Vauro Senesi, Nunzia De Girolamo, Domenico Iannacone, Nuccio Azzarà, Pietrangelo Buttafuoco, Red Ronnie, Hoara Borselli, Annalisa Chirico, Laura Cosseddu, Federico Vespa.

Così armato il programma ha riscosso 1,966 milioni di spettatori e il 6,3% dalle 20.40 alle 21.56 e poi 1,921 milioni di spettatori e 8,6% fino alle 24.59. Questa, quindi, in coda, la graduatoria dei film: su Italia 1‘Point Berak’ ha raccolto 1,645 milioni di spettatori e il 5,5%; su Rai3 ‘Suburbicon’ 1,166 milioni e il 3,8%; su Rete4 ‘Un’ottima annata’ 945mila spettatori e il 3,4%. Risultanti sopra media hanno fatto tutti i telegiornali della sera principali. Alle 20.00 per il Tg1 7,2 milioni di spettatori ed il 25%; per il Tg5 6,2 milioni di spettatori ed il 21,25%. Alle 20.30 il Tg2 a 3,2 milioni e 10,6%. E nel preserale sulla terza rete, il Tg3 delle 19.00 a 3,9 milioni e 16,1% e il Tgr 5,172 milioni e 19,54%.

Al pomeriggio, alcune buone prestazioni: Su Rai1 ‘Domenica In’ fa il 17,1% ed il 17,2%.

E sulla terza rete Lucia Annunziata con ‘Mezz’ora in Più’ a 2,271 milioni di spettatori e 10,8% di share.

In seconda serata è prevalsa Barbara D’Urso davanti a Massimo Giletti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti