Coronavirus, Legacoop Culturmedia ringrazia gli edicolanti con una campagna su carta, web e radio

Le cooperative di giornalisti associate a Legacoop Culturmedia – che comprende non solo quelle dei quotidiani e dei periodici cartacei, ma anche del mondo dell’informazione radiofonica, delle agenzie e del web – ringraziano gli edicolanti con una campagna multimediale, che prevede una pagina pubblicitaria e uno spot di 20 secondi.

Il messaggio, riporta una nota, fa parte dell’iniziativa di comunicazione nazionale #lacooperazionenonsiferma, lanciata da Legacoop per rimarcare i principi mutualistici nell’emergenza. La creatività è stata realizzata internamente da coop Bacchilega e ufficio comunicazione Legacoop Romagna.

Giovanna Barni, presidente Legacoop Culturmedia

La campagna è pianificata su una ventina di testate cartacee e web, su una cinquantina di radio del territorio nazionale e in alcune realtà della grande distribuzione cooperativa, che hanno concesso l’utilizzo del proprio circuito ‘in store’. Fra le testate cooperative che partecipano ci sono: Il Manifesto, il Corriere Romagna, l’agenzia di stampa Area, La Voce di Mantova, la Romagna Cooperativa, Estense.com, la Provincia di Civitavecchia, Luna Nuova, Abc Milano, ilReporter.it, Sprint e Sport, Area, Lo Spunk,
Ravennanotizie.it, il network Romagnanotizie, Salto.bz, SettesereQui e Sabato Sera.

«In questi giorni gli edicolanti sono rimasti aperti. Con questo servizio essenziale hanno assicurato che la lunga filiera dell’informazione plurale, dai produttori ai cittadini, non si spegnesse, nonostante la crisi. Un ringraziamento anche alle Poste che stanno continuando ad assicurare i servizi di consegna in abbonamento», dice la presidente di Legacoop Culturmedia nazionale, Giovanna Barni.

«Il nostro pensiero – aggiunge il coordinatore del gruppo di lavoro Mediacoop, Luca Pavarotti – va a una parte indispensabile della filiera, che come le cooperative di giornalisti è impegnata per garantire un’informazione corretta e puntuale, contro ogni tipo di fake news».

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%