Twitter contro le fake news sul Coronavirus: rimossi tweet di Bolsonaro e Rudy Giuliani, consigliere di Trump

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

La differenza tra un sondaggio e la realtà. Milano Finanza  racconta di come il suo sondaggio – Mario Draghi dovrebbe essere chiamato a capo del governo per affrontare la crisi?  recitava il quesito – abbiamo raggiunto oltre 100 mila persone e sia stato strumentalizzato dalla Rete e da chi vorrebbe sostituire il premier Conte. «MF e il suo sito continuano solo a informare – scrive il quotidiano -. Conosciamo bene la differenza tra descrizione della realtà e analisi delle idee, sondaggi e fake news, uso della rete e sua strumentalizzazione».

Bezos indispensabile per la sicurezza nazionale. Tra le aziende indispensabili, negli Stati Uniti, c’è anche BlueOrigin. La società di esplorazione spaziale fondata da Jeff Bezos nel Duemila è stata autorizzata a proseguire normalmente l’attività, nonostante le restrizioni imposte al business per la pandemia, dato il suo «valore futuro per la sicurezza nazionale». Quale? La società, oltre a partnership con Lockheed e la Nasa, ha un contratto con l’aviazione militare da 500 milioni di dollari per sviluppare il sistema di razzi New Glenn che dovrebbe debuttare in orbita nel 2021.

Sui social la speranza batte la paura: analizzando 7.068.819 conversazioni su Twitter e 60.797 post testuali su Instagram è emerso il trend emozionale dell’ultimo mese. L’analisi condotta da Almawave riporta che nell’ultimo mese le parole più utilizzate siano state incoraggiamento, resistenza, cultura, solidarietà. A fare da traino alla speranza sono stati i flashmob e altre iniziative di socialità condivisa (gli applausi alle finestre per medici e infermieri, le canzoni sui balconi). Un atteggiamento che risulta più marcato al Centro Sud, meno nelle regioni settentrionali, molte delle quali segnate dalla forte incidenza di contagi e decessi.

Lezioni online hackerate: è successo in una scuola media di Roma, dove nel corso della videolezione di inglese sulla piattaforma Meet alcuni ragazzi si sono intromessi nel sistema e hanno inviato agli studenti immagini oscene e violente. Secondo quanto riportato dai rappresentanti di classe al Corriere della Sera, l’accesso in chat era possibile con semplice link alla pagina, senza alcuna procedura di autenticazione/identificazione o password di accesso. «Quanto di più lontano esista rispetto ad uno standard minimo di sicurezza», protestano i genitori dei minori.

Twitter ha rimosso due tweet del presidente brasiliano Jair Bolsonaro perché minimizzava il pericolo della pandemia da coronavirus e criticava le misure di isolamento messe in atto da molti governi nel mondo. Il giorno prima ha rimosso un tweet di Rudy Giuliani, avvocato e consigliere di Donald Trump ed ex sindaco di New York, che promuoveva un certo farmaco come “100 per cento efficace” contro il coronavirus.

Lo smartphone per combattere il virus. Un team di 60 esperti sta valutando le 319 proposte di monitoraggio inviate al Ministero dell’Innovazione: a breve dovrebbe quindi arrivare il via definitivo al progetto dell’app di tracciamento italiana.  Il ministro Paola Pisano punta su una soluzione su base volontaria, da testare in un’area territoriale ristretta, magari la Lombardia. La Gdpr prevede già eccezioni alla normale tutela dei dati in ambito sanitario, proprio nei casi di epidemie, tuttavia per il varo dell’app potrebbe servire un decreto legge che garantisca il carattere temporaneo della raccolta e dell’uso di informazioni riservate.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti